in ,

Cory Monteith, star di “Glee”, trovato morto a Vancouver

Dolore e tristezza colpiscono una delle serie statunitensi di maggior successo: “Glee”. È  stato ritrovato senza vita, in un hotel di Vancouver, l’attore 31enne Cory Monteith, che nella serie tv interpretava Finn Hudson.Glee

Per ora la polizia canadese non ha dato molti dettagli e ha riferito che la causa della morte è ancora da verificare. L’unica certezza è che l’autopsia avrà luogo lunedì prossimo. Il corpo della giovane star di “Glee” è stato scoperto dal personale dell’albergo Fairmont Pacific Rim, nel quale si trovava da una settimana e proprio oggi avrebbe dovuto lasciare la stanza. Alcune circostanze che hanno preceduto la sua dipartita sono emerse nel corso delle indagini, come ad esempio, quando venerdì sera nella sua stanza erano presenti diverse persone e all’alba è stato visto rientrare da solo. Il giovane aveva avuto problemi di dipendenza e in un’intervista al settimanale Parade, nel giugno 2011, aveva parlato del suo passato tra droga e alcool e confessato di aver cominciato a fumare droghe leggere a 13 anni e poi dei problemi più seri avuti a 16 anni dicendo di ritenersi fortunato di essere ancora vivo.

Ad aprile era entrato volontariamente in una clinica per disintossicarsi e, dopo un mese, era riuscito a completare con successo il programma ma in realtà era da 12 anni che provava ad uscire dal tunnel terribile delle droghe. Nella serie, interpretava l’eterno fidanzato di  Rachel Berry, incarnata  da Lea Michele, un’altra delle star del ‘glee club’. E i due, erano diventati coppia anche nella vita. La scomparsa prematura di Cory ha gettato nello sgomento e nell’incredulità molti suoi colleghi del telefilm.

 

 

 

Tonino Accolla è morto: addio alla voce di Homer Simpson ed Eddie Murphy

Marc Marquez

Gran Premio di Germania MotoGp: trionfa Marquez, poi Crutchlow, Rossi terzo