in

Così lontani e così vicini: Albano abbandonato da Cristina Parodi

“Così lontani così vicini” tornerà nella sua seconda edizione in prima serata il 13 dicembre su Rai 1, condotto sempre da Albano ma al suo fianco ci sarà Paola Perego.  Il clima tra i due conduttori però non è dei migliori e per capire il motivo dobbiamo andare alla prima puntata de La Vita in diretta, dove il cantante pugliese rivolgendosi a Cristina Parodi, ex compagna della passata edizione, le ha più volte ripetuto: “mi hai abbandonato”.

Su Twitter erano arrivate le parole del marito della Perego, il manager Lucio Presta, che pare non aver gradito l’esternazione del cantante. Infatti ha cinguettato: “Ci sono villani contadini che pur avendo successo nella vita, restano villani contadini. I contadini veri nn mancano mai di rispetto!” a cui aveva risposto, usando lo stesso mezzo, Albano: “Meraviglia delle meraviglie! Com’è possibile che un grande agente faccia lavorare sua moglie, nota professionista, con un contadino villano???”. Tre mesi dopo lo spiacevole episodio a peggiorare la situazione del cantante di Cellino San Marco abbiamo due ospitate sulla rete concorrente: Pomeriggio 5 e Domenica Live. Insieme alla D’Urso ospitando prima la figlia e poi la madre di Albano, hanno ottenuto il record stagionale di share. Tutto questo mentre la sua partner era in video sulla Rai con un programma in gravi difficoltà…ci fa pensare che non sarà stata una mossa gradita dalla Perego!

Ora, in un intervista Albano dichiara di non avere nessuna “scaramuccia con nessuno” ma aggiunge anche che nel programma i due conduttori non si incontrano mai ed è quindi impossibile avere diverbi di qualsiasi genere. Se i conduttori non si incontrano mai perché sentiva così tanto l’assenza di Cristina Parodi? Insomma la risposta del cantante pugliese non chiude il caso.

defrel calciomercato torino

Ultime notizie calciomercato Lazio: piace l’attaccante Defrel

mara venier brunetta disneyland

Mara Venier candidata sindaco di Venezia secondo Berlusconi, Brunetta: “Vogliamo che diventi Disneyland?”