in

Cosimo De Medici: colto e raffinato banchiere, politico e mecenate dell’arte, ecco chi era veramente

Firenze, a partire dal quattordicesimo secolo, da un piccolo centro cittadino si sviluppa e cresce fino a diventare una vera e propria capitale degli affari, del commercio, della cultura e delle arti. I suoi monumenti, vero e proprio orgoglio fiorentino, e la sua importanza storica sono indissolubilmente legati a una figura molto particolare e unica nel suo genere: Cosimo De Medici. Chi era veramente? E perché fu così importante per la città?

Cosimo De Medici nacque a Firenze nel 1389, nipote di un noto banchiere e figlio di un commerciante di lana, divenne una figura di riferimento nella Firenze del ‘400. Commerciante, politico e banchiere, investì gran parte delle sue energie e tutte le sue finanze nello sviluppo della città. Cosimo De Medici, detto ‘Il Vecchio‘, era un banchiere fiorentino che trasformò la forza del denaro in una forza politica: rifiutò addirittura i titoli di principe e di signore in via ufficiale e assunse il ruolo di governatore di Firenze de facto. Grazie a lui, la città divenne, da semplice località dai tratti tipicamente medievali, a motore trainante di quello che verrà identificato come Rinascimento.

L’inizio della scalata di Cosimo De Medici cominciò quando, nel 1420, Giovanni De Medici lasciò la sua attività e si ritirò dalla vita economica. La gestione del Banco Medici venne lasciata a Lorenzo e Cosimo, ma fu il secondo a operare un sostanziale cambiamento con conseguente espansione dell’attività finanziaria famigliare: con l’apertura di filiali in diverse città europee fra le quali Parigi e Londra, riuscì a raggiungere una ricchezza tale da influenzare la vita politica della città di Firenze. La sua influenza avvenne tramite la supremazia delle cariche pubbliche: ricorreva infatti, molto spesso, a pratiche di corruzione e riuscì a fondare un vero e proprio partito attraverso la combinazione di matrimoni e alleanze.

Cosimo De Medici viene ricordato soprattutto per la sua inclinazione e la sua sensibilità nei confronti dell’arte: alla sua corte, infatti, sedettero nomi italiani illustri fra i quali Filippo Brunelleschi, Donatello, Desiderio Da Settignano e moltissimi altri che spesso chiamò per completare importanti opere civiche come palazzi e ville: fra le tenute famigliari più importanti si ricordano quelle del Cafaggiolo e del Trebbio ristrutturate da Michelozzo. Nel 1444, inoltre, diede la possibilità di accedere, come racconta Vespasiano da Basticci, alla sua imponente biblioteca Laurenziana o Medicea. Più di duecento volumi vennero custoditi all’interno della struttura e lo stesso Cosimo De Medici spinse affinché venisse arricchita costantemente. La sua fu una vita che tese verso l’alto, non senza numerosi lati oscuri che ancora oggi lasciano diversi punti interrogativi.

Smau milano ottobre 2016

Smau 2016 Milano date ottobre: tutti gli appuntamenti, dal digitale alla sanità

aggiornamento android

Aggiornamento Android 6.0.1 Samsung Galaxy S5 Mini Vodafone, Tim, Wind e Tre e Pokémon Go 1.1.13 e 0.43.3