in

Costantino Vitagliano, “Maria De Filippi e Maurizio Costanzo mi usavano”

Costantino Vitagliano è tornato a far parlare di sé e in una lunga intervista rilasciata al settimanale Chi confessa di essersi sentito usato dalle persone che lo hanno reso famoso e di essersi sentito solo in un periodo buio della sua vita. E della persona che lo ha lanciato dice: “Maria De Filippi è quella a cui devo di più, un genio: vedeva che funzionavo e senza darmi dritte ha iniziato a sfruttarmi più che poteva”.

Costantino sul settimanale Chi

Costantino svela i retroscena della sua ascesa al successo dopo la partecipazione al programma Uomini e Donne, ed ha parole dure anche per Maurizio Costanzo: “In due, facevano il palinsesto di Canale 5 e quand’erano in onda portavano Costantino: mattina e sera lui, pomeriggio lei. Mi usavano, è vero, ma io intanto ingrassavo le chiappe”. L’ex tronista parla anche di Lele Mora: “non faceva altro che rispondere al telefono, i miei contratti li chiudevo io. La sua bravura è stata usarmi per far lavorare tante altre persone dell’ agenzia”. Si sfoga Costantino e racconta anche di un periodo buio della sua vita dopo la vicenda  Vallettopoli in cui il suo “sistema nervoso è esploso. Un giorno ero a casa con Linda e sono svenuto. Un attacco di panico”, ed aggiunge “Da quel momento ho iniziato a star male, non controllavo più mente e corpo, vivevo con lo Xanax in mano e andavo tutti i giorni all’ ospedale a farmi visitare: stavo bene solo lì”. E ancora: “Sono dovuto andare in Spagna, lontano da tutto e da tutti, per iniziare a stare meglio. E intanto intorno a me sono spariti tutti, Mora compreso”.

Costantino ha tempo anche di parlare della sua vita privata e confessa: “Frequento una ragazza da qualche mese. Vive qui ma non è italiana, ha una trentina d’anni e ha lavorato in tv. Non dico altro”.

Seguici sul nostro canale Telegram

spazi disuso recupero fornace abbandonata Appennini

Spazi in disuso, a Bologna una proposta di legge per il loro riutilizzo

star senza trucco

Melissa Satta, tanta paura per il ricovero in ospedale