in

Counselor e Psicologi, antipatia giustificata

Negli ultimi anni, molte società di formazione hanno creato queste nuove figure professionali impartendo più o meno i principi che regolano la professione. Il counselor dovrebbe essere una figura di supporto  a persone che incontrano problemi in vari ambiti della loro vita (lavoro, infanzia, famiglia ecc.) ed il suo ruolo è quello di accompagnarli e sostenerli per metterli in grado di trovare in autonomia una soluzione viabile. Si tratta di professionisti che dispongono di risorse personali e tecniche specifiche per aiutare altre persone attraverso la relazione a prendere consapevolezza dei propri problemi e quindi a risolverli.

In conclusione, secondo il teorico del counseling Carl Rogers, i counselor sono esperti di rapporti umani che hanno i mezzi per supportare attraverso il colloquio, ed il rapporto umano.
Detto così i counselor somigliano un pò troppo a psicologi e psicoterapeuti e, sebbene sia chiaro che Rogers ed i teorici del counseling sappiano benissimo che la psicoterapia è un’altra cosa, troppe persone si approfittano di questo titolo per definirsi terapeuti.

Supportare le persone attraverso il dialogo è ben diverso dal saper gestire la salute psichica di un paziente e spesso, la mancata capacità di identificare una terapia psicologica adeguata, può fare danni non indifferenti.

Il counselor è una sorta di consulente che non può assolutamente svolgere terapia semplicemente perchè non ha le basi per gestire l’equilibrio psicologico di una persona. Al contrario uno psicologo o psicoterapeuta laureato  è un professionista formato che può curare i pazienti e tutelare il loro diritto alla salute.
L’inondazione di counselor ha portato non pochi problemi agli psicologi che ricordano che, per esercitare la professione di psicologo non è solo necessario averne i titoli ma è importante essere iscritti all’Albo Nazionale degl Psicologi, dove chiunque può consultare gli elenchi semplicemente digitando nome e cognome del professonista. Oltretutto, i falsi professionisti non possono proporre parcelle per prestazioni sanitarie e consentire ai pazienti di scaricare gli importi a fini fiscali, come previsto della legge.

In conclusione, non ce l’abbiamo certo con i counselor, che svolgo una professione rispettabile nè con chi forma queste figure. Ce l’abbiamo però con i counselor che si comportano in modo simile ad un cartomante e che ingannano le persone spingendosi oltre le loro capacità.
Purtroppo in Italia scherzare con la salute dei pazienti per fare business è pratica comune da parte di certi criminali ma è pur vero che sono una minoranza dalla quale i veri counselor dovrebbero prendere le distanze.

Fonte: Psicologo Livorno

Le opere “top ten” milionarie vendute all’asta. Quando la crisi non colpisce l’arte.

Vittorio Grilli Italia Non Chiederà Aiuti Europa

Il Governo Promette La Riduzione dell’Irap ma l’IVA Salirà al 22%