in

Coworking, Torino si apre all’Europa grazie alla partnership tra Toolbox e betahaus

Il coworking, ovvero lo spazio di lavoro condiviso, è una realtà sempre più presente in Italia e destinata soprattutto a freelance, startup e giovani imprenditori: è proprio dal mondo del coworking che arriva la notizia della partnership tra Toolbox e betahaus che aprirà le porte dell’Europa a Torino.

Toolbox Coworking, l’hub creativo per il lavoro con sede a Torino, e betahaus, la rete europea di coworking con sede a Berlino, Amburgo, Barcellona e Sofia hanno siglato una partnership che potenzierà le opportunità di lavoro di tutti i freelance presenti nella sede torinese ma anche di tutti gli altri coworkers presenti nelle diverse sedi europee di betahaus. Da oggi, infatti, tutti coloro che hanno una membership mensile in Toolbox, oltre ad usufruire di tutti i servizi e le opportunità offerte dal coworking torinese, potranno lavorare in qualsiasi sede betahaus d’Europa per 5 giorni al mese gratuitamente e viceversa: i coworkers delle sedi europee di betahaus, infatti, avranno la possibilità di lavorare fino a 5 giorni al mese a Torino nella sede di Toolbox Coworking. Oltre a favorire la contaminazione, questa partnership aprirà letteralmente le porte dell’Europa a tutti i coworkers di Toolbox creando nuove opportunità di lavoro.

“Il mondo del lavoro diventa sempre più multidisciplinare e multiculturale: è per questo che abbiamo scelto un ‘cross-player’ come betahaus che condivide con noi la capacità di creare comunità digitali e generative allo stesso tempo. La possibilità di lavorare gratuitamente un quarto del proprio tempo in un’altra città europea è per tutti i coworkers una grande opportunità di scambio e arricchimento per il proprio lavoro. Un piccolo-grande contributo alla nuova Europa” ha commentato Aurelio Balestra, project manager di Toolbox Coworking.

David Gilmour Roma 2016, il Circo Massimo pronto ad abbracciare l’ex Pink Floyd: le ultimissime [FOTO]

Berlusconi Ricovero

Silvio Berlusconi condizioni di salute, prosegue la riabilitazione: a giorni lascerà l’ospedale