in

Cracovia: cosa vedere, mangiare e comprare nella Capitale della Cultura 2016

Se amate la Polonia e la sua storia, non potete non visitare Cracovia, eletta Capitale della Cultura 2016. Sono molte le cose da vedere, mangiare e comprare in questa città ricca di arte e storia. Ecco alcuni consigli utili su come muoversi.

Prima di tutto, non può mancare una visita al centro storico di Cracovia, eletto patrimonio dell’umanità UNESCO nel lontano 1978, che possiede la Piazza del Mercato, di origine medievale, la più grande di tutta Europa. Inoltre è possibile vedere il Castello con il cortile in stile rinascimentale situato sulla collina di Wawel; in questo luogo è stato depositato uno dei quadri più famosi di Leonardi Da Vinci, la Dama con l’ermellino. Immancabile poi, è anche la visita alle miniere di sale situate a Wieliczka, denominate anch’esse patrimonio UNESCO. La Basilica di Santa Maria offre invece la possibilità di assaporarne l’architettura, con la sua altezza imponente che raggiunge gli 80 metri d’altezza.

Cosa è possibile degustare di tipico a Cracovia? Senz’altro un piatto gustoso e tradizionale polacco sono i Pierogi, ravioli ripieni al formaggio o nelle varianti ai crauti con la carne o alle verdure. Per chi poi ama particolarmente i crauti e la carne, ci sono anche i Bigos, un vero e proprio simbolo; la carne, solitamente, è salsiccia tipica che i polacchi chiamano Kielbasa. La cucina polacca, infatti, mescola diversi stili e culture nella propria arte culinaria che spazia da quella tedesca a quella francese, passando addirittura per l’Italia. Infine, se siete inclini allo shopping o, semplicemente, volete portarvi a casa un souvenir, Cracovia è ricca di bancarelle che offrono prodotti tipici artigianali fra i quali spiccano i famosi gioielli in ambra; il negozio per eccellenza si chiama Mikolajczyki Amber ed è situato in ul. Florianska 16. Due posti dove curiosare sono il mercato SukienniceRynek Głowny, infine c’è Via Reale, una zona ricca di boutique e, soprattutto, gallerie d’arte.

Photo Credit: Dziewul/Shutterstock.com

Giro del mondo in solitaria, intervista al viaggiatore Luca Curti Gialdino: 23281 km senza aerei

Ricette dolci Detto Fatto

Ricette dolci Detto Fatto: Franco Aliberti e il tiramisù al pistacchio