in ,

Criminalità e mafia agroalimentare: il rapporto di Flai Cgil

Tornare a potenziare l’agroalimentare prodotto in Italia puntando sulla legalità: questo il messaggio che è stato ribadito con forza il 3 giugno in occasione della presentazione del secondo rapporto su agromafie e caporalato a cura di Flai Cgil.

spaghetti antimafia progetto solidale piazze 2014

L’agromafia, così come ha sottolineato il segretario generale dell’ente Stefania Crogi, è un fenomeno fortemente radicato nel territorio, e non solo nelle regioni meridionali. L’indagine dell’Osservatorio Placido Rizzotto, che ha coinvolto 99 province e 18 regioni, ha portato alla luce dei dati eclatanti: ogni anno il lavoro nero causa un mancato guadagno di 600 milioni di euro e un danno all’economia che ammonta a 12,5 miliardi.

Anche se l’introduzione nel codice penale dell’articolo 603 bis che punisce il caporalato con la detenzione ha portato a dei miglioramenti, c’è ancora molta strada da fare. In particolare, sarebbe necessario prevedere delle sanzioni non solo per gli intermediari, ma anche per le aziende che si avvalgono del caporalato a danno innanzitutto dei lavoratori stranieri, ad esempio escludendole dai fondi strutturali o da ulteriori forme di accesso al credito. E mettere in piedi una rete efficace che sappia rispondere ai bisogni dei lavoratori e sia capace di minare la centralità del caporale, sulla base della consapevolezza che è proprio quest’ultimo a garantire ai sottoposti una serie di servizi ai quali non potrebbero diversamente accedere.

(fonte: Il Fatto Quotidiano; autore dell’immagine principale Gabriele Battaglia, da Flickr.com)

 

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Federazione Italiana Giuco Calcio facebook

Mondiale 2014: Castellacci stila il bollettino medico degli Azzurri infortunati

Maradona facebook

Mondiale 2014: per Maradona l’Argentina può vincere