in ,

Crisi Italia: edilizia in ginocchio, chiuse 70 mila imprese con -58 miliardi di fatturato

La crisi economica ha spazzato via dell’Italia 70 mila imprese. Il presidente dell’Ance, l’Associale Nazione Costruttori Edili, Paolo Buzzetti, dà un’immagine drammatica del settore dell’edilizia in Italia. Le sue parole non lasciano spazio a interpretazioni diverse: “La situazione è così difficile che viene spontaneo chiedersi se non sia il caso di chiudere le nostre imprese con il minor danno possibile per i nostri dipendenti”.

notizie italia

Buzzetti, però, ha anche una proposta fattiva: un patto forte tra Governo e filiera delle costruzioni. Secondo il presidente Ance, questo sarebbe “l’unico modo di far ripartire in modo stabile l’occupazione”.

Nel corso dell’assemblea annuale dell’associazione dell’edilizia è emerso un dato che mostra tutta la drammaticità della situazione che il mondo delle costruzioni sta vivendo. Il fatturato del settore è calato di 58 miliardi di euro dall’inizio della crisi economica. 70 mila imprese hanno chiuso o sono sul punto di farlo. E anche chi prova a resistere deve fare i conti con il dimezzamento degli investimenti nell’edilizia e le risorse per le infrastrutture siano state tagliate di due terzi.

In riunione, stai in piedi, non sederti!

attentato kamikaze in moschea pakistan

Bando luoghi di culto a Milano: solo nuove moschee?