in

Quanto guadagna un influencer su Instagram, Youtube e Snapchat? Cristiano Ronaldo e Chiara Ferragni sono i più ricchi

Cristiano Ronaldo, neo pallone d’oro nel calcio, e Chiara Ferragni, famosa Fashion Blogger italiana di The Blonde Salade, sono molto seguiti sui social network tra cui Facebook, Instagram, Twitter e Youtube tanto da guadagnare tantissimi soldi con l’inserimento dei propri post. Pensate che il fuoriclasse portoghese attaccante del Real Madrid conta più di 238 milioni di followers e nel 2016 con i suoi post ha prodotto ben 36 milioni di dollari per Nike guadagnandone 13.

Cristiano Ronaldo e Chiara Ferragni: come fanno a guadagnare tanti soldi sui social?

Cristiano Ronaldo e Chiara Ferragni guadagnano in maniera molto semplice inserendo i prodotti del marchio di cui sono sponsor tramite i contenuti pubblicitari dei propri profili social. Con precisione si contano ben 59 video, foto e stati in un anno. Guadagnare tramite i social sta diventando ormai una vera e propria moda adottata dalle celebrity e influencer di tutto il pianeta. Il loro unico obiettivo è quello di inserire post su Facebook, Twitter, Instagram e Youtube facendo pubblicità ai grandi marchi e in cambio guadagnare facilmente.

Chiara Ferragni e influencer: ecco quanto guadagnano sui social

Tutti coloro che sono influencer e sponsorizzano le grandi marche ricevono un guadagno in base alle attività social che svolgono, che sono in continua ascesa. Pensate che ogni profilo Facebbok, Twitter, Instagram e Youtube può raggiungere più di 7 milioni di followers proprio come quello di Chiara Ferragni che, con l’inserimento di un post che pubblicizza un brand, può arrivare a guadagnare fino a 300 mila dollari su Youtube, 200 mila dollari su Facebook, 150 mila su Instagram e Snapchat. Queste sono le incredibili cifre che si possono leggere nel seguente grafico a cura del portale www.statista.com.

Guadagno social influencer

 

Photo Credit: Statista.com

Uomini e Donne gossip: Rossella Intellicato senza veli fa impazzire il web

Foto su Facebook senza consenso: la moda social(e) che distrugge privacy, dignità e civiltà