in

Croazia, 7 isole bellissime: dove andare al mare per una vacanza 2016 da sogno [FOTO]

Voglia di paesaggi mozzafiato, acque cristalline e spiagge candide? La Croazia e le sue isole bellissime sono quanto di meglio si possa desiderare per una vacanza da favola: ecco sette proposte da considerare, per un sogno ad occhi aperti.

#1. Isola di Brac. In Dalmazia vale la pena di visitare la spiaggia di Zlatni Rat, con la sua “mano” di ghiaia dorata che si protende nell’Adriatico (vedi foto in apertura di Szabolcs Emich/Wikimedia Commons). Il contesto paesaggistico è arricchito dalla presenza del monte San Vito, che è anche il punto più alto nel mare Adriatico con i suoi 778 metri di altezza. Da scegliere anche se amate il surf e lo snorkeling.

Vacanze estate 2016 isole Croazia

Il mare di Brazza – Image Credits Zuffe/Wikimedia Commons

#2. L’isola di Curzola – o Korcula – è situata nel basso Adriatico, a breve distanza dalla costa dalmata. Per andare in spiaggia scegliete la zona di Lumbarda, ma non dimenticatevi di visitare le testimonianze romanico-gotiche della città di Korcula: l’ideale, insomma, per chi vuole abbinare arte a natura.

#3. L’isola di Vis (Lissa) è un luogo paradisiaco che vanta il riconoscimento di “Spiaggia più Bella d’Europa nel 2016” da European Best Destinations. E’ considerato una terra misteriosa, per un soggiorno “eco-friendly” alla scoperta della macchia mediterranea. Sulla spiaggia di Stiniva potrete trascorrere dei momenti indimenticabili, godendovi il tramonto o semplicemente concedendovi un pomeriggio di relax.

#4. L’isola di Krk, conosciuta anche come l’isola di Veglia, fa parte dell’arcipelago del Quarnero: si tratta di un luogo pittoresco, dove alle distese di sabbia e di ciottoli si intervallano paesaggi coloratissimi. Da visitare anche per la Grotta di Biserujka, nella parte settentrionale dell’isola, attrazione suggestiva del comune di Dobrigno che mantiene costantemente una temperatura tra i 10 e i 13 gradi. Voglia di mare? Ecco un’immagine della bellissima spiaggia di Stara Baska:

Le isole più belle della Croazia

La spiaggia Stara Baska, nell’isola di Veglia – Image Credits Zavijavah/Wikimedia Commons

#5. L’isola di Rab, il cui nome significa “isola del paradiso”. Che cosa rende questo luogo così speciale? Grotte, pinete e spiagge rilassanti, dove trovare riposo e relax al riparo dal vento, grazie all’abbraccio protettivo delle montagne. Da consigliare innanzitutto a famiglie e bambini, per l’acqua poco profonda e la sabbia con cui divertirsi.

SCOPRI TUTTE LE IDEE PER LE VACANZE SU URBAN POST!

#6. L’Isola di Dugi Otok, nota anche come “Isola Lunga” o Grossa, è caratterizzata dalla presenza di vegetazione lussureggiante e pini marittimi. Nella parte meridionale si trova il Parco naturale di Porto Taiér (Telašćica), con un lago salato di circa due chilometri di lunghezza. Per andare in spiaggia dirigetevi nella parte settentrionale e scegliete Sakarun.

#7. Le Isole Incoronate (Kornati). Voglia di natura incontaminata e mare blu? Se cercate un vero e proprio angolo di paradiso quasi disabitato, scegliete di raggiungere con una crociera o una gita in barca giornaliera (non è possibile rimanerci a dormire) questo arcipelago della Regione Zaratina composto da 147 isole, tra isolotti e grossi scogli, classificato come parco nazionale quasi per la totalità.

Isole bellissime Croazia
Le Isole Incoronate – Image Credits Airmens/Pixabay.com

In apertura: Isola di Brač/Brazza, Croazia – Image Credits Szabolcs Emich/Wikimedia Commons (Creative Commons Attribution)

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

intervista ursula franco

Omicidio Maria Ungureanu, risentiti i giostrai: continuano a negare presenza ragazzi rumeni

Allerta meteo Liguria

Previsioni Meteo: ciclone autunnale in arrivo nel mezzo dell’estate, probabile rischio di acquazzoni violenti