in

Crozza copertina diMartedì 20 gennaio 2015: da Renzi e il Pd a Gasparri e l’Isis

Maurizio Crozza nella copertina di diMartedì di questa sera, 20 gennaio 2015, è passato dal parlare di Renzi e Berlusconi, ma soprattutto di Renzi e i problemi del Pd, a discutere su Gasparri e l’Isis concludendo con le affermazioni che Papa Francesco continua a fare in aereo mentre è in viaggio da una parte all’altra del mondo. Il comico genovese ha iniziato il suo monologo dicendo: “Giova hai presente che cos’è un reality … è un programma dove dei disgraziati vivono temporaneamente fuori dal mondo cercando di screditarsi uno con l’altro fino a che la tensione non arriva al massimo…

Crozza ha poi proseguito parlando del surreality che è:”quello fatto dal Pd, un gruppo di disgraziati” aggiungendo: “finché  D’ Alema ci sarà l’aspettativa di vita di un segretario del PD è un filo sotto quella del moscerino della frutta” Imitando Renzi, Maurizio Crozza è poi passato a parlare dell’incontro fra il premier e Silvio Berlusconi che: “hanno rinnovato il loro patto per il nome del Presidente della Repubblica …..il famoso patto di tutti tranne Prodi….

Toccando la questione riguardante le dimissioni di Cofferati che pare abbia, almeno secondo il comico: “mollato nel momento più basso della sua carriera, ha fatto il contrario degli Abba”, Crozza ha poi parlato della liberazione di Greta e Vanessa e dei commenti di Gasparri dicendo: “Greta e Vanessa, hanno detto che in Siria non torneranno più, poi hanno letto il tweet di Gasparri e hanno pensato, ma sai che forse in Siria male, male non si stava” aggiungendo: “Gasparri ha detto che se rapissero lui non vuole che nessuno paghi il riscatto… riscatto? ma chi te lo paga?” chiedendo infine a Giovanni Floris, conduttore di diMartedì: “Ce li vedi quelli dell’Isis che tagliano la testa a Gasparri? Intanto trovagliela… ! Sto scherzando ovviamente… la usa poco ma ce l’ha…

Prima di concludere la copertina di questa sera parlando di Papa Francesco e della affermazioni che questo pare rilasciare solo quando è in quota, ed auto-ammonendosi con: “Devo stare attento a scherzare sulla religione, lo ha detto anche il Papa”. Crozza ha sottolineato come: “sul terrorismo massima allerta, in Italia potrebbero colpire ovunque, tranne a Napoli…. Se colpiscono Napoli ai terroristi chi glieli fa i documenti falsi? Pare che per la Digos Napoli sia la principale centrale europea per la falsificazione dei documenti dei terroristi”.

facchinetti pro liberazione ostaggi

Greta e Vanessa, Francesco Facchinetti le sostiene: “Io sono dalla loro parte”

Anche i terroristi hanno il senso dell’umorismo