in

Cucinare non solo per mangiare, la Cooking Therapy per sè e la coppia…

Cucinare, che noia! Macchè, mettere le mani in pasta diventa divertente ed utile. La Cooking Therapy si dimostra un metodo eccezionale per curare i nostri disturbi e avvicinare le coppie all’intimità.

piatto verdure colorate

La cucina è lo spazio più vissuto di ogni casa, sempre più ampie con elettrodomestici supertecnologici ed accessori base, tutto serve per creare piatti speciali. Lavorare i cibi, dedicare tempo ed energie alla preparazione dei pasti funziona per alleviare sofferenze fisiche e mentali. Per se stessi, soprattutto nei casi in cui i “raptus di fame” minacciano salute e linea, dedicare spazio e tempo ad un gesto consueto può essere davvero benefico. Scarica lo stress ed aumenta l’autostima. Cucinare porzioni corrette e attendere il momento del pasto all’ora “giusta”, senza abbuffarsi col primo cibo preconfezionato trovato in casa, è ottimale. Inoltre la Cooking Therapy ha valore terapeutico fisico, cognitivo, sociale e intra-personale. A livello fisico la preparazione e cottura richiede l’uso delle spalle, mani, polsi, gomiti, collo ed un buon equilibrio generale ed una buona forza muscolare (per impastare, sollevare, tagliare).

Cucinare in coppia ha un fascino molto romantico e sensuale. Dalla scelta dei cibi alla lavorazione e preparazione. Dal primo passo al mercato, al momento “dell’impiatto”. Un’intimità che si svela tra i fornelli, tra profumi, immagini, sapori e tattilità nuove che avvicinano ed inebriano. Stupire e conquistare la partner, o la desiderata tale, lasciarsi andare alla creatività, senza remore e paure. Una ricerca effettuata dal Polli Cooking Lab, l’osservatorio internazionale creato dall’omonima azienda italiana, osserva che “…oggi invece è il maschio a doversi cimentare tra i fornelli per riuscire a conquistare la propria partner, almeno secondo quanto sostengono sessuologi, psicologi e chef stellati interpellati“. Il trend è cambiato e le conquiste non si fanno più in discoteca o al cinema, ma mettendosi alla prova tra i fornelli. L’ambiente è più familiare, intimo, accogliente. Così sempre più uomini stanno attenti a come si muovono, con quale agilità tagliano la cipolla per il soffritto, quale tovaglia o runner scegliere per il tavolo, ogni dettaglio deve essere curato. Già, perchè tutto aiuta ad aumentare la passione e la cucina stimola tutti i sensi

Fonte fotografica: Clarita | Taliesin

strada tra i campi

L’agronomo? Un nuovo futuro ecosostenibile

creativa disperata

Creativo sì, ma “coglioneNo”