in

Curiosità: ecco gli 11 peggiori flop nella storia dell’Inter

Spesso strategie di mercato pessime hanno fatto si che l’Inter vivesse un digiuno di successi per svariati anni, ad eccezione della parentesi vittoriosa conclusasi con il triplete targato Josè Mourinho. Nei decenni scorsi sono arrivati sulla sponda neroazzurra di Milano decine di possibili campioni divenuti purtroppo bidoni. Abbiamo provato a stilare una  formazione dei peggiori flop player dell’Inter.

La formazione scelta è un 4-4-2 dove a difendere i pali dei flop troviamo Hector Fabian Carini. L’estremo difensore uruguayano Viene ricordato per essersi trasferito dalla Juventus all’Inter in cambio del futuro pallone d’oro Fabio Cannavaro. Nella stagione 2004-2005 gioca con i nerazzurri 4 gare del campionato, 1 in champions e 4 in coppa italia. Nel ruolo di terzino sinistro c’è Vratislav Gresko, slovacco, pagato oltre 10 miliardi di lire al Bayer Leverkusen, arrivato a Milano come l’erede di Roberto Carlos, si profila invece catastrofico, suoi gli strafalcioni in quel famoso 5 Maggio dove l’Inter perde clamorosamente la partita con la Lazio.

Flop 11 Inter

Il posto di difensore centrale è occupato da Gonzalo Sorondo visto come  uno dei difensori più promettenti dell’Uruguay e del sud America, vengono spesi  18 miliardi di lire e gioca 11 partite in 2 anni. Il compagno di reparto è  Jeremy Brechet arrivato dal Lione per 5 milioni di euro giocò appena 9 presenze. Sulla fascia destra troviamo Zè Maria che dopo le ottime stagioni a Perugia non si rivelò all’altezza con la maglia neroazzurra.

Nel centrocampo entra di diritto Ricardo Quaresma, l’esterno sinistro portoghese acquistato per 18.5 milioni di euro dal Porto, voluto fortemente da Josè Mourinho fece appena 11 partite per poi essere relegato in tribuna.

Nel ruolo di centrocampista centrale c’è Francisco Farinos che nel 2000 viene acquistato dal Valencia per la cifra di 36 miliardi di lire, tuttavia lo spagnolo non riuscì a mettersi in luce e in 3 anni giocò appena 33 partite con un solo gol fatto.

Ricardo QUaresma

Sull’esterno di destra collochiamo Andy Van Der Meyde arrivato a Milano per 6 milioni di euro dati all’Ajax, è visto come un giovane promettente ma nemmeno lui incide e sarà ceduto all’Everton  dopo due anni.

Come trequartista c’è Vampeta, campione del mondo con la maglia del Brasile nel 2002 fu acquistato per 40 miliardi di lire dal Corinthians. Arrivato come un top player giocò appena una partita per poi andare nel Paris Saint Germain.

Il reparto attaccanti ha come protagonisti Darko Pancev, pagato 12 miliardi di lire dalla Stella Rossa di Belgrado con cui vinse una Coppa Campione e Intercontinentale.

Nella città della madonnina il bomber slavo non lasciò il segno disputando appena 12 partite in 2 stagioni segnando appena una rete. Come compagno di reparto c’è Hakan Sukur, l’ex calciatore noto come il Van Basten turco fu prelevato  dal Galatasaray  per 7 miliardi di lire però il turco nonostante avesse segnato 119 gol in Turchia non riuscì a imporsi nel campionato italiano ma ricordato solo come un costoso bidone.

Seguici sul nostro canale Telegram

Terremoto zona Chianti

Terremoto magnitudo 4.2 stanotte in Sicilia vicino a Messina, poi altre 30 scosse

Giovanni Pagotto di Arredo Plast: difficoltà a reperire lavoratori italiani