in

Dalla sua parte, il caso editoriale che ci racconta i pazienti bipolari

Dalla sua parte, il libro scritto da Isabella Borghese (edizioni Esemble), a tre mesi dall’uscita sta stimolando l’interesse nel web, dalle pagine Facebook ai blog. La condivisione del libro da parte dei familiari di pazienti bipolari diventa il vero “piccolo-grande” successo del romanzo e l’inizio del tour nelle associazioni che si occupano di salute mentale. Un romanzo che merita molta attenzione poiché si occupa di un tema, quello dei disturbi mentali e, in questo specifico caso, della bipolarità, che troppo spesso l’opinione pubblica ignora o conosce superficialmente.

dalla sua parte isabella borghese

Dopo l’interesse della stampa che sta supportando con attenzione Dalla sua parte, il romanzo ha mosso blog e pagine facebook coinvolte nella tematica della depressione bipolare. Si tratta di medici, figli di bipolari, persone che stanno contribuendo al successo di questo romanzo con la loro partecipazione e la stessa divulgazione del progetto.

La depressione bipolare è infatti il tema principale della storia e, insieme ad essa, le conseguenze che questa patologia ha nella vita dei pazienti e di chi vive con loro. Dalla sua parte sta così diventando un’occasione per parlare, in tempi di crisi e forte disperazione, di una patologia di cui si parla sempre poco e che invece ha bisogno della voce dei protagonisti e della comprensione e condivisione di tutti noi. Il libro non è solo una testimonianza sociale ma ha anche riscosso un buon successo tra i critici:

dalla sua parte bipolarismo

È la sete di vivere il terreno su cui Isabella Borghese muove i suoi capitoli, nervosi e brevi, come a restituire l’ansia che attraversa le vene della protagonista”, Paolo Fallai – Corriere della Sera

L’autrice con un buon equilibrio tra il coraggio e l’abilità narrativa riesce a parlarci dei sentimenti legati alla malattia mentale più diffusa dei nostri tempi”, Ida Palisi, il Mattino

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Mondiali 2014: ecco le squadre già qualificate.

barack obama

Iraq, uno studio ha stimato in 400mila le vittime del conflitto tra il 2003 e il 2011