in

Daniel Raddclife – Harry Potter contro la Yakuza!

Ovviamente il titolo è uno scherzo. Con il 2011 Daniel Radcliffe ha abbandonato Hogwarts e il mondo magico creato da J.K. Rowling per interpretare ruoli sempre diversi e allontanarsi il più possibile dalla figura del maghetto che è cresciuta e si è sviluppata con lui per ben 10 anni (era il 2001 quando uscì nelle sale il primo Harry Poter).

Il suo ultimo lavoro è stato il film Kill your darlings, che racconta l’omicidio di David Kammerer da parte di Lucien Carr, coinvolgendo diversi numi della Beat Generation fra cui Allen Ginsberg, interpretato magistralmente da Raddclife.
Lo scorso anno è stato il protagonista di The woman in black, film tratto dal romanzo horror gotico di Susan Hill e remake della pellicola del 1989 in cui il protagonista era (le coincidenze del caso!) Adrian Rawlins, ovvero l’attore che ha prestato il volto al padre di Harry Potter!
Radcliffe si è cimentato anche con le serie TV ed è stato il protagonista della mini serie A Young Doctor’s Notebook, accanto all’icona Jon Hamm (Mad Men); inoltre ha partecipato anche a diversi musical.

Adesso il giovane attore si mette di nuovo alla prova in Tokyo Vice in cui è un giovane reporter che si scontrerà con i boss della Yakuza. Il thriller è tratto dal saggio di Jake Adelstein, giornalista trapiantato in Giappone che ha lavorato per anni allo Yomiuri Shimbun occupandosi di cronaca nera.
Dalla sua esperienza Adelstein ha tratto un saggio che svela i retroscena della potente mafia giapponese e le connessioni con il mondo dell’economia.

Per la regia è stato scelto Anthony Mandler che debutta con un film dopo essersi cimentato per anni con video musicali e spot pubblicitari. Mandler ha all’attivo numerose collaborazioni con Rihanna e ha diretto i video di artisti come Jay-Z e Niki Minaj.

Le riprese dovrebbero iniziare il prossimo anno.
Ecco un’intervista a Daniel Radcliffe che parla dei suoi progetti al The Jonathan Ross Show.

Pan Cake salati di Bruscandoli gluten free

Enrico Letta Expo 2015

Quanto è poco Social il nuovo Governo di Enrico Letta