in

Dare le dimissioni online, tutte le novità del 2016: come si fa e a chi inoltrare il modulo

Avete intenzione di licenziarvi nei prossimi mesi? Se state pensando di dare presto le dimissioni al lavoro, è il caso che siate informati sulle importanti novità che vi attendono: il 12 marzo 2016, infatti, entra in vigore una nuova procedura telematica, per effetto del decreto del 15 dicembre 2015 approvato dal Ministero del Lavoro che ridefinisce la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro e la loro revoca.

Il nuovo modulo telematico dovrà essere compilato da tutti i lavoratori che vogliono dimettersi volontariamente. Come funziona? Per accedere al sistema è necessario essere in possesso del PIN fornito dall’Inps oppure registrarsi sul sito www.cliclavoro.it; solo a questo punto si potrà accedere al portale www.lavoro.gov.it, dove si trova il format apposito in cui vanno inserite sia le generalità del lavoratore che quelle del datore di lavoro, la tipologia di contratto e la data di inizio del rapporto. Lo stesso modello dovrà essere inoltrato via mail alla casella PEC del datore di lavoro. Ricordiamo che per la trasmissione telematica, nel caso in cui non si sia in possesso del PIN Inps, ci si può rivolgere anche a sindacati, patronati, commissioni di certificazione ed enti bilaterali.

A partire dal momento dell’invio della lettera, il lavoratore avrà 7 giorni a disposizione per annullare la comunicazione e revocare le proprie dimissioni, con le stesse modalità.

In apertura: PureSolutions/Shutterstock.com

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

muffa in casa, muffa nera, muffa stop, muffa in casa rimedi, muffa in casa rimedi naturali, muffa nera sui muri, muffa muri, muffa pareti,

Muffa in casa stop: rimedi naturali per eliminarla da muri e pareti

morti sospette in ospedale a bergamo

Bergamo morti sospette in ospedale: si teme nuovo caso ‘infermiera killer’