in ,

Dating online: le regole per sopravvivere in una chat libera, su Facebook, Twitter e Instagram

Dating online, appuntamenti in chat, app e chi più ne ha più ne metta. Nell’era dei social network conoscere virtualmente il partner ideale non è più un tabù ma qualcosa da condividere.
Negli ultimi dieci anni le relazioni sui social sono state completamente stravolte e, incontrare l’anima gemella in rete non è più una rarità, anzi è diventata la quotidianità per tanti di noi. In inglese “to date”, in italiano “uscire per un appuntamento“, con persone di una chat o di una community è una routine non più etichettata da “nerd sfigato“.
Le nuove applicazioni come Tinder, e il suo corrispettivo per ragazzi e ragazze gay, Grindr, mettono in contatto tra loro utenti della stessa zona senza tenere troppo conto di affinità e interessi comuni. Ci si conosce prima, solo grazie a una tastiera, senza aver visto di persona il chatter con il quale si sono passate ore, settimane mesi online e poi, insieme, si decide di trasformare quel caffè virtuale, in qualcosa di reale, in un “incontro in 3D”.

Anche lo speed dating alla “Sex and the city” è diventato un fenomeno piuttosto diffuso. Ci si sceglie all’interno di una ristretta cerchia di utenti e, in seguito si organizza un incontro a quattr’occhi della durata di circa 3-9 minuti (così dice uno studio inglese) dopo il quale si prende una decisione: continuare la conversazione oppure cambiare tavolo e partner con il quale conversare.
Conoscere persone nel fantastico Mondo 2.0 è facile perché si può fare amicizia stando semplicemente seduti sul divano. In questo modo si abbattono le barriere di comunicazione che spesso si possono creare di persona quando, ad esempio, si frequentano ambienti dispersivi come pub e discotecheBleenka, disponibile sia per smartphone iOS sia per dispositivi Android, è un’app rivoluzionaria perché permette di cambiare le carte in tavola ovvero di restare anonimi fino a quando il destinatario del ‘bleenk‘ non ricambia l’invito.

Fare conquiste in chat, in una community e sui social è però un’arma a doppio taglio. Per sopravvivere alla miriade di direct message e richieste di amicizia da parte di sconosciuti, talvolta alquanto fastidiosi, bisogna cercare di tenere in considerazione delle regole base. Qui di seguito stileremo una lista di consigli utili (almeno secondo noi della redazione di Urbanpost) che vi serviranno se non altro a tentare la sorte senza rimanere scottati ma soprattutto a utilizzare tutte le armi di seduzione in maniera corretta. Vediamo quindi quali gli errori da evitare per rimorchiare online:

1 – Utilizzare la foto di Belen Rodriguez agli esordi della sua carriera (quando ancora nessuno la conosceva): a parte gli scherzi, inserire sul proprio profilo pubblico la foto di un/a modello/a semisconosciuto è sicuramente un passo falso da non commettere mai. Una bella foto attira sicuramente tanti utenti ma il rischio di essere scoperti è sicuramente alto tanto quanto è gnocco/a la persona ritratta nell’avatar del vostro profilo farlocco. Una foto finta implica avere poca fiducia in se stessi e conseguentemente poca voglia di mettersi in gioco per quello che si è realmente. La sincerità prima di tutto. Tentare la carta dell’aspetto avvenente (di qualcun altro) non risolverà i vostri problemi d’amore, anzi li complicherà ulteriormente.

2 – Cambiare l’età anagrafica: togliersi una trentina di anni non renderà sicuramente piacevole il vostro primo incontro dal vivo. Rischiate infatti che la persona a cui avete dato appuntamento scappi a gambe levate o, nella peggiore ipotesi, rischiate che vi faccia uno scherzo coi fiocchi…magari proprio nel vostro quartiere.

3Mancanza di foto profilo e di originalità: non trovare una foto all’interno della vostra pagina personale, oppure trovarla ma…di un’altra persona (vd punto. n 1) non vi aiuterà di certo nella ricerca del vostro partner ideale, anzi, allontanerà anche chi è rimasto colpito dalla ricercatezza del vostro nick. Siate brillanti, create un profilo interessante e non registratevi mai sotto il nome di ‘bella/o89′ o con nome+cognome reali.

4Stalkerare gli sconosciuti: Se siete alla ricerca del partner ideale o semplicemente di un nuovo trombamico/a, cercate di rendervi il più affabili possibile. Se è vero che una foto può far innamorare, anche una qualità come la simpatia, soprattutto in chat, può farvi acquistare punti agli occhi di tanti semi-sconosciuti. Essere sgarbati, contattare venti volte la stessa persona, che puntualmente non vi risponderà né dopo due minuti né dopo mezz’ora, renderà il vostro umore sempre più nero col passare dei giorni.

5La semplicità è l’arma perfetta ma una botta di c…. di fortuna lo è di più: da prendere sempre in considerazione da tutti coloro che vogliono far capitolare una persona conosciuta in rete.

6Privacy fuori controllo: inserire nome, cognome, città, via e codice fiscale attirerà solo maniaci e gente con pessime intenzioni. Per questo motivo meglio andarci cauti nel rilasciare dati personali in rete.

7Spammare all’interno di una chat/community il link del vostro blog di moda e della vostra attività in proprio, quindi far innamorare di voi migliaia di persone solo per aumentare i like…non si fa! Fortunatamente in molte chat, come ad esempio quella di Meetic, rispetto ai social quali Twitter e Facebook, vengono tutelati in primis gli utenti e, i comportamenti scorretti sono subito segnalati e bloccati dai moderatori.

8 – Raccontare l’intera propria vita, anche quella sessuale, in una sessione di chat, includere pregi e difetti su una pagina web, sul vostro profilo, non vi renderà una persona più interessante. Anzi più aggiungerete particolari sulla vostra vita più le persone non vorranno conoscervi. Se chattate da poco scoprirete presto di cosa si sta parlando…

sanremo 2015 scaletta quarta serata ospiti

Sanremo 2015, scaletta quarta serata: ospiti Giovanni Allevi, Antonio Conte e Virginia Raffaele

week end San Valentino 2015 terme Toscana offerte low cost last minute spa San Gimignano

San Valentino 2015 alle terme in Toscana: offerte last minute e low cost tra spa e vizi