in

David Aguilar, senza un braccio dalla nascita: a soli nove anni se lo costruisce con i Lego

Una passione smisurata per i Lego è diventata per David Aguilar, in arte Hand Solo, lo strumento per superare il senso di diversità che lo accompagna dalla nascita. Venuto al mondo senza un braccio per una rara condizione genetica, David sin dall’età di nove anni, ama giocare con i mattoncini colorati e, negli anni, è riuscito a trasformare quello che sarebbe stato un semplice passatempo in un mezzo che gli ha permesso di affrontare l’inadeguatezza provocatagli dalla sua condizione. Quelli che per molti bambini sono dei semplici pezzetti di plastica da lasciare sul pavimento e – perché no – calpestare con i piedi, hanno aiutato Hand a sostenere con più leggerezza un’infanzia difficile.

David Aguilar, a soli nove anni costruisce il primo braccio fatto di Lego

“Da bambino – ha affermato David Aguilar a Reuters-  ero molto nervoso quando mi trovavo insieme ad altri ragazzi, perché ero diverso, ma questo non mi impediva di credere nei miei sogni. Volevo vedermi allo specchio come vedevo gli altri ragazzi, con due mani”. E con questo desiderio è riuscito a costruire, a soli nove anni, il suo primo braccio protesico, servendosi esclusivamente dei Lego. Era una ‘costruzione’ piuttosto rudimentale ma aprì la strada a versioni sempre nuove, sempre migliori, in cui la capacità di movimento era sempre maggiore rispetto alla precedente.

Hand Solo, star del web, sogna di progettare arti per chi ha ne bisogno

Oggi, David ha 19 anni, studia Bioingegneria all’Universitat Internacional de Catalunya in Spagna e il suo sogno è quello di progettare arti robotici a prezzi accessibili per coloro che ne hanno bisogno. Tuttora, crea protesi perfettamente funzionanti, in grado di piegarsi all’altezza dell’articolazione del gomito, il tutto utilizzando unicamente i famosi mattoncini. David ha un proprio canale YouTube in cui spiega come realizzare gli arti e come personalizzarli il più possibile. Tutte le versioni di braccia Lego costruite finora, sono esposte nella stanza della residenza universitaria di Barcellona, dove vive. Gli ultimi modelli sono stati soprannominati MK, in omaggio a uno dei suoi supereroi preferiti, Iron Man e alle sue armature MK. I vari pezzi sono identificati da un numero progressivo. Il suo soprannome in rete è Hand Solo.

Leggi anche —> ‘Il bambino col pigiama a righe’ diventa un costume di Carnevale: è sdegno

Anticipazioni Isola dei Famosi 2019: cosa succederà stasera 27 febbraio 2019

Luca Congera scomparso a Quartu: trovato cadavere, dettagli sconvolgenti