in

David di Donatello 2015: ecco tutti i vincitori

Si apre con un ricordo del passato Cannes questa edizione della cerimonia del David di Donatello, proprio in riferimento ai tre registi protagonisti del festival francesce: Garrone, Moretti e Sorrentino. Tullio Solenghi rompe il ghiaccio regalando qualche risata al pubblico e si arriva subito al premio miglior attore non protagonista che che va a Claudio Buccirosso.

Sale poi sul palco Pier Francesco Diliberto, in arte Pif, per presentare il premio per il miglior regista esordiente, vinto da Edoardo Falcone. E’ poi ora del premio per la migliore attrice non protagonista che viene vinto da Giulia Lazzarini – eccellente interprete della madre di Margherita (interpretata da Margherita Buy) in “Mia madre” di Nanni Moretti. La miglior produzione va a Cinemaundici e Babe Film per “Anime nere”.

Sul Palco per presentare la miglior musica originale Dodi Battaglia, storico chitarrista dei Pooh, che consegna il premio a Massimo De Lorenzo per “Anime Nere” canzone scritta da Malika Ajane presente nel film omonimo. Ugo Gregoretti annuncia poi il miglior documentario lungometraggio che viene vinto da Franco Maresco col film “Belluscone – una storia siciliana”. Subito dopo viene consegnato il premio al miglior cortometraggio, già annunciato in conferenza stampa, a “Thriller” di Giuseppe Marco Albano.

Dal palco Solenghi scherza un po’ con l’On. Franceschini, chiedendo poi “un applauso per continuare”. E’ il momento di Quentin Tarantino, l’ospite più atteso, che entra ballando sotto le note di “You never can’t tell” di Chuck Berry. Tullio Solenghi chiede a Quentin il segreto per fare film di successo e Tarantino risponde col sorriso “E’ una semplice combinazione tra violenza e comicità”. Esilarante il gioco che fanno fare a al regista americano, chiedendogli di assegnare una parte a personaggi noti della tv italiana per un ipotetico film sulla mafia:  così Vespa diventa il “padrino dei padrino”, Mara Venier “l’amante del padrino”, Antonella Clerici un'”assassina professionista” e Marzullo il “contabile del padrino”.

Arriva poi sul palco il più grande compositore musicale italiano Ennio Morricone per premiare Quentin Tarantino ed è subito standing ovation. Tarantino ringrazia con un ottimo italiano Morricone esclamando”Grazie Maestro!”. Si passa alle commemorazioni e ci si stringe in lutto per ricordare Virna Lisi, Manuel De Sica, Monica Scattini, Giorgio Faletti, Claudio Calligari, Giacomo Furia, Callisto Cosulich e Francesco Rosi.

Enrico Rossi sale sul palco per premiare il miglior truccatore, miglior acconciatore: i premi vengono vinti, corrispettivamente da Maurizio Sinti per “Il giovane favoloso” e Carlo Signoretti e Alberto Giuliani, per lo stesso film. Vince il premio per il miglior attore protagonista Elio Germano per la magistrale interpretazione di Leopardi nel film di Mario Martone “Il giovane favoloso”.

Miglior effetti digitali viene vinto da Visualogie per “il ragazzo invisibile” e viene assegnato il premio per il miglior fonico di presa diretta a Stefano Campus per “Anime Nere”. Giuseppe Battiston sale sul palco per presentare il premio per la migliore attrice protagonista che viene vinto da Margherita Buy -che si riconferma per l’ennesima volta la vincitrice del maggior numero di David da quando il premio è nato- per la sua interpretazione in “Mia Madre”. La miglior sceneggiatura viene assegnata al  copione di “Anime nere” scritto da Francesco Munzi, Fabrizio Ruggirello, Maurizio Braucci.

Premi conclusivi e “”forse più importanti” come viene sottolineato da Tullio Solenghi, sono miglior regista e miglior film che vengono assegnati entrambi a Francesco Munzi per “Anime Nere”, che con questo premio arriva a 9 David conseguiti nella serata della manifestazione .

Gli altri premi assegnati durante la serata:

Miglior film dell’unione europea – La teoria del tutto
Miglior film straniero – Birdman
Miglior scenografo – Il giovane favoloso
Miglior costumista – Ursula patzk
Miglior musicista – Giuliano Taviani
Miglior autore della fotografia – Vladan Radovich
Miglior montatore – Cristiano Travaglioli
David Giovani – Noi e la Giulia
David Speciale – Gabriele Muccino

Pensioni 2017 riscatto gratuito della laurea e bonus donne

Riforma pensioni 2015 ultime novità: sempre più vicine Quota 97, mini penalizzazioni e misure per i lavoratori precoci

hunziker instagram

Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi in lite per questioni economiche?