in ,

Deadpool 2 film, Tim Miller lascia l’incarico: ecco il motivo e le ultimissime sul sequel

Nella giornata di sabato il mondo Marvel (20th Century Fox) ha dovuto fare i conti con una notizia che ha lasciato un po’ d’amaro in bocca: Tim Miller, regista di Deadpool, film uscito a febbraio 2016, ha deciso di lasciare l’incarico per il sequel. Alla base della sua decisione ci sarebbero dei contrasti, insanabili, con il protagonista del film Marvel, vale a dire Ryan Reynolds. Miller ancora non aveva firmato il contratto per dirigere il sequel di Deadpool ma tutto lasciava intendere che ciò sarebbe avvenuto molto presto. Invece, adesso, i produttori della Marvel dovranno trovare un sostituto all’altezza per rimpiazzare Tim Miller che, con Deadpool, ha fatto incassare alla sua società la bellezza di 786.000 dollari.

>>> TUTTO SUL MONDO DEL CINEMA CON URBANPOST<<<

Chi ci sarà nel cast di Deadpool 2? Oltre a Ryan Reynolds, la cui presenza non è assolutamente in dubbio, ritroveremo gli sceneggiatori Rhett Reese e Paul Wernick che torneranno a dare forma agli script del nuovo capitolo del supereroe più irriverente del mondo Marvel. Ryan Reynolds, del resto, dopo alcuni flop con personaggi come RIPD e Lanterna Verde, ha ritrovato un ruolo adatto a lui facendolo diventare protagonista del settimo film che ha incassato di più ai botteghini nel 2016.

>>> LE ULTIMISSIME SUI FILM IN USCITA<<<

Chi sostituirà Tim Miller alla regia di Deadpool 2? Al momento c’è addirittura chi sognerebbe di affidare l’incarico a Quentin Tarantino: nelle ultime ore, infatti, sul web sono state diverse le petizioni in favore di questo ‘matrimonio’ che, però, appare essere molto difficile. Infine, tornando all’addio di Tim Miller da Deadpool 2, sembrerebbe che la causa del contendere sia stata la scelta di Cable: mentre Miller voleva affidare la parte a Kyle Chandler (Super 8, The Wolf of Wall Street), Reynolds non era d’accordo.

Una giornata con il sindaco Leorato: intervista

Una giornata con il Sindaco: intervista a Maurizio Leorato, primo cittadino “della porta accanto”

Paolo Sorrentino film

Paolo Sorrentino Film, il dramma del regista: “I miei genitori morti nel sonno”