in

Decreto Dignità testo modificato: la ricostruzione di quanto accaduto, c’è chi urla al complotto

È caos sul Decreto Dignità. Evoca il complotto, Luigi Di Maio, contro il “suo” decreto. I 5Stelle parlano dell’azione di lobby, di una “manina” malevola annidata al Mef o alla Ragioneria dello Stato. E scatenano uno scontro con il Ministero guidato da Giovanni Tria. E perfino un intervento irritato dell’ex, Pier Carlo Padoan. Tutto parte da un video pubblicato da Luigi di Maio su Facebook: “80mila è un numero che non sta da nessuna parte, mi faccio una risata”, dice a proposito delle critiche al provvedimento che porterebbe, secondo alcune interpretazioni, a una contrazione di 80mila posti di lavoro in dieci anni. Sarebbe l’effetto della stretta sui tempi determinati, con la riduzione tra l’altro della durata massima dei contratti dagli attuali 36 a 24 mesi.

Decreto Dignità testo modificato: la battaglia dei numeri

“Leggo sui giornali di stamattina che questo decreto farebbe perdere 80mila posti di lavoro. Ma non c’è scritto da nessuna parte”, premette Di Maio. “C’è un altro numero nella relazione che accompagna il decreto, il numero di 8mila” (ndr, la relazione tecnica che accompagna il provvedimento ipotizza infatti che si possano perdere 8mila posti di lavoro per effetto delle misure previste). “Ci tengo a dirvi – continua Di Maio – che quel numero è apparso la notte prima che il decreto venisse inviato al Quirinale. Non è un numero messo dal governo”. E insiste: “Quel numero per me non ha nessuna validità, perchè nessuno ha spiegato davvero cosa significava”. E poi sferra l’attacco: “La verità è che questo decreto dignità ha contro lobby di tutti i tipi”. Insomma, il vicepremier e ministro dello Sviluppo evoca l’ombra del complotto contro il governo. O meglio, contro questo decreto, considerato da Di Maio un simbolo della sua linea politica. E anche un modo per riequilibrare i rapporti di forza nel governo, rispetto all’immagine di un esecutivo a trazione leghista. Di Maio conclude: “Non è una cosa che ci hanno messo i miei ministeri, non è una relazione che hanno chiesto i miei ministeri e soprattutto la relazione non è stata chiesta dai ministri della repubblica”.Governo news: «M5S privo di ideologia e visione, Casaleggio ne sarebbe uscito» dice Paolo Becchi

Di Maio contro il Mef: è scontro

Ma la reazione che arriva dal Mef è durissima: “Le relazioni tecniche sono presentate insieme ai provvedimenti dalle amministrazioni proponenti, così anche nel caso del decreto dignità, giunto al Mef corredato di relazione con tutti i dati, compreso quello sugli effetti sui contratti di lavoro della stretta anti-precari”, dicono fonti del Ministero dell’Economia, aggiungendo che “la Ragioneria generale dello Stato prende atto dei dati riportati nella relazione per valutare oneri e coperture”. Insomma – è la versione di via XX settembre – nessun intervento esterno. E viene difesa anche l’azione della Ragioneria dello Stato. La cifra “incriminata” (8mila posti di lavoro) era già presente nel testo arrivato dal ministero dello Sviluppo. Stima peraltro, ricordano le stesse fonti, che è frutto di un’elaborazione dell’Inps. Ma non basta. Anche l’ex ministro, Pier Carlo Padoan, si sente chiamato in causa dalle insinuazioni: “Non ho sentito quanto affermano dal M5s ma se insinuano che qualcuno della mia ex squadra si sia comportato scorrettamente, magari perché sobillato, lo respingo sdegnosamente: sarebbero accuse di gravità incredibile”, dice. “Il decreto dignità e la relazione tecnica sono predisposti dal ministero del Lavoro. Quanto allo spoil system, è nelle prerogative di ciascun ministro”.

donna uccisa a pesaro

Donna uccisa a Pesaro: massacrata a coltellate in casa

Gattuso indagato per riciclaggio: cosa rischia l’allenatore del Milan? Ecco le ultimissime