in ,

Def Governo Renzi: ecco i provvedimenti in arrivo

Matteo Renzi ostenta sicurezza all’ingresso del Consigli dei Ministri che varerà in serata il Documento di economia e finanza (Def) con i tagli alla spesa richiesti dalla Ue e auspicabili per liberare le risorse necessarie alla crescita. “Le coperture ci sono da 20 giorni, non sono preoccupato”, ha detto ai giornalisti dicendo di non aver intenzione di fare notte e di aver preparato “solo 82 slide” sui tagli  alla sanità.

palazzo chigi

Battute a parte, i tagli che si preparano saranno consistenti soprattutto nel comparto sanitario, mentre sono scongiurate riduzioni di risorse destinate alla sicurezza: il Ministro dell’Interno  Angelino Alfano ha detto che nel 2014 ci saranno 700 milioni in più da spendere.

Il Governo è alla disperata caccia di risorse per il taglio da 6,6 miliardi del cuneo fiscale: oltre che dai tagli, dalla riduzione degli stipendi dei manager pubblici e dall’aumento del gettito Iva (2,2 miliardi), un contributo decisivo potrebbe arrivare dal raddoppio dell’imposta sulle plusvalenze delle quote Bankitalia, che passerebbe al 26%. Il Cdm potrebbe già deciderlo in serata, portando a casa di fatto le risorse per il taglio del costo del lavoro.

Il Def prevede peraltro 12 miliardi di euro di proventi dalle privatizzazioni, solo nel 2014: questa somma sarà utilizzata per la riduzione del debito pubblico.  I provvedimenti avranno un  basso impatto sulla crescita nel 2014, che resterà al di sotto dell’1%, mentre per il 2015 il Governo prevede un Pil in avanzamento dell’1,3%.

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

Le foglie di birra contro le malattie dentali

progetti designer contro mozziconi Triennale Milano

Mozziconi di sigaretta per le strade? Alla Triennale di Milano le soluzioni dei giovani designer