in ,

Denise Pipitone news analisi impronte, Roberta Bruzzone: “Chi l’ha rapita non potrà più mentire”

Denise Pipitone news analisi impronte: in attesa di conoscere l’esito degli accertamenti che i Ris di Messina nei prossimi giorni effettueranno sui frammenti di impronta repertati dagli investigatori in diversi luoghi interessati dalla indagine relativa alla scomparsa della bimba, avvenuta a Mazara Del Vallo il 1° settembre 2004, Roberta Bruzzone torna sull’argomento.

La nota criminologa scrive infatti sulle pagine del settimanale Giallo della importanza dei nuovi accertamenti disposti dalla procura di Marsala ora che, grazie ai nuovi e sofisticati strumenti di indagine in mano agli inquirenti, è possibile estrapolare un profilo genetico di un individuo anche da “frammenti papillari”, come nel caso in questione.

—>  Denise Pipitone news: analisi impronte, emergono nuovi importanti particolari

“Non si deve lasciare nulla di intentato, soprattutto alla luce della possibilità di confrontare tali informazioni con il profilo genetico di Denise in possesso degli inquirenti” – scrive la Bruzzone – “sono ancora troppe le domande senza risposta. Se, come ha sancito anche la Suprema Corte Jessica Pulizzi non ha niente a che fare con il sequestro di Denise, allora chi è stato a sottrarla alla sua famiglia?”.

La criminologa Bruzzone poi poi l’accento su un interrogativo alla base stessa dei sospetti che portarono la Pulizzi davanti al banco degli imputati: “A chi appartengono le voci dei due soggetti intercettati dalla cimice sullo scooter della Pulizzi mentre parlano di Denise?”.

Anna Corona e Jessica Pulizzi

>>> Denise Pipitone intercettazioni inquietanti dalla cimice sullo scooter: “Dove la devo portare?” <<<

Jessica Pulizzi intercettata disse alla sorella: “Mamma ha ucciso Denise”

Fece molto scalpore nel processo d’appello (erano i primi di dicembre del 2014) sulla scomparsa della piccola Denise Pipitone, un’intercettazione ambientale fatta a Jessica Pulizzi l’11 ottobre 2004, e riferita in aula da un perito, atta a dimostrare la colpevolezza di Anna Corona, madre dell’imputata.

La registrazione carpiva una conversazione soltanto bisbigliata, recuperata grazie ad un’opera di filtraggio e pulitura dei nastri magnetici che permise dopo anni di ripristinarne i contenuti. Nell’audio si sente la sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, dire alla sorella minore Alice“Quanno eramu ‘ncasa, a mamma l’ha uccisa a Denise”. Alice, quasi a volerne conferma, le chiede: “A mamma l’ha uccisa a Denise?”. Jessica: “Tu di sti così unn’ha parlari” (non ne devi parlare). Alice: “È logico”. Tra gli indizi, questa intercettazione, ritenuti anche dalla Cassazione non sufficienti per condannare l’imputata.

terremoto oggi centro italia

Terremoto oggi nel Salernitano: scossa magnitudo 3.8 tra Padula e Montesano

Assunzioni poste Italiane 2017

Assunzioni Poste Italiane: posizioni aperte ottobre 2017, come diventare postino? Le linee guida