in

Depressione e HIV: 30% in più di probabilità di infarto

Depressione e Hiv sembrano essere un’accoppiata del tutto infausta: secondo un recente studio, infatti, sembra infatti che le persone sieropositive soggette a crisi depressive presentino il 30% in più di probabilità di infarto o di sviluppare malattie cardiovascolari.

Nonostante con l’Hiv si possa oramai convivere, è risaputo che nei pazienti sieropositivi il rischio di malattie cardiache sia più alto di quello presente nelle persone sane: secondo un recente studio pubblicato su JAMA Cardiology, però, nelle persone affette anche da depressione il rischio si innalzerebbe sino al 30% in più. “C’è bisogno urgente di individuare nuovi fattori di rischio e approcci di prevenzione primaria per questi malati. Sebbene la depressione sia prevalente negli adulti con infezione HIV e sia associata a problemi cardiovascolari nella popolazione generale, la sua correlazione con eventi cardiovascolari non è stata valutata nella popolazione affetta da HIV” ha spiegato Matthew Freiberg della Vanderbilt University di Nashville in Tennessee, capo del tram di ricerca.

Freiberg ha anche specificato che “Gli studi futuri dovranno valutare gli effetti dei trattamenti anti-depressivi sui marcatori di rischio cardiovascolare e/o sugli eventi cardiovascolari nei pazienti HIV positivi depressi. Se tali ricerche produrranno risultati positivi, si potrebbe identificare il trattamento della depressione come un nuovo approccio per prevenire la malattia cardiovascolare, contribuendo a ridurre la morbilità e la mortalità associata a malattia cardiovascolare nelle persone con HIV”.

terremoto vignetta satirica

Charlie Hebdo satira sul terremoto, nuova vignetta: “È la mafia che costruisce le vostre case”

Foto profilo e personalità: perché piace la tua immagine del profilo?