in

Depressione: i metodi anticoncezionali possono aumentare il rischio di insorgenza

Un recente studio, molto ampio, sulle donne danesi ha evidenziato una correlazione fra l’aumento d’insorgenza della depressione e l’utilizzo di metodi contraccettivi, come la pillola anticoncezionale, il cerotto o l’anello. L’aumento, nello specifico, riguarda la probabilità di incorrere nel consumo di antidepressivi.

La depressione potrebbe così avere un’altra causa. Ojvind Lidegaard, autore dello studio, ha utilizzato i dati del Danish Sex Hormone Register Study, attualmente ancora in corso e che coinvolge tutte le donne danesi che vivono nella nazione. Le donne incluse nell’osservazione appartengono al range di età tra i 15 e i 34 anni negli anni a cavallo tra il 2000 e il 2013. Sono state seguite per un periodo di sette anni e più della metà di loro – il 55% – utilizzava metodi contraccettivi ormonali. Durante questo arco di tipo sono state ben 133.178 le donne alle quali è stato prescritto un antidepressivo per la prima volta nella vita, mentre sono state circa 23 mila quelle che hanno ricevuto una diagnosi di disturbo depressivo.

Dai dati è emerso come le donne che utilizzavano metodi anticoncezionali ormonali rischiavano di sviluppare la depressione il 23% in più rispetto a chi non ne assumeva. È stato evidenziato anche che l’utilizzo di pillole contenenti progestinici aumentava il rischio del 34%, mentre l’anello anticoncezionale del 60%. In definita è stato riscontrato che il rischio di incorrere nella depressione o nella prescrizione di farmaci antidepressivi aumentava dell’80% nelle ragazze di fascia di età fra i 15 e i 19 anni che facevano uso della pillola anticoncezionale.

[dicitura-articoli-medicina]

Uomini e Donne oggi: Gabriella ed Ernesto si sono lasciati, il messaggio

bando startup innovative speed mi up

Bando startup innovative, Speed Mi Up: Bocconi e Camera di Commercio di Milano lanciano la nuova call