in

Depressione: quali effetti hanno frutta e verdura sul nostro umore?

Mangiare spesso frutta e verdura può avere effetti benefici sulla nostra saluta: questi alimenti proteggono e prevengono lo sviluppo dei tumori, mantengono la linea e la giusta idratazione corporea. Ora, però, grazie a uno studio, i ricercatori inglesi dell’Università di Warwick hanno scoperto che questi cibi hanno effetti anche sulla depressione e sul nostro umore in generale.

Una squadra di ricerca inglese, coordinata con l’Università australiana del Queensland, ha condotto uno studio approfondito sugli effetti di frutta e verdura sul nostro umore. Sono stati presi in esame 12385 soggetti in età adulta, le persone coinvolte dovevano tenere un diario sul quale segnare tutto ciò che consumavano a tavola: questi diari sono stati poi messi a confronto con la situazione socio economica dei soggetti e sulle condizioni di vita che potevano influenzarne la loro felicità. È emerso che chi consumava almeno 8 porzioni di frutta o verdura al giorno, aveva manifestato effetti molto positivi sullo stato umorale, spesso nel giro di due anni.

Andrew Oswald, uno degli autori dello studio, ha spiegato: “Mangiare frutta e verdura a quanto pare aumenta la nostra felicità molto più rapidamente di quanto non migliori la salute umana. Lo stimolo delle persone a mangiare cibi sani è indebolito dal fatto che i benefici fisici, per la salute, come la protezione contro il cancro, si avvertono decenni più tardi“. Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Public Health. A quanto sembra, consumare molta frutta e verdura, oltre a fare bene alla nostra salute, migliora anche lo stato psicologico e combatte la depressione.

succhiarsi il pollice, mangiarsi le unghie, succhiarsi il pollice benefici, mangiarsi le unghie benefici, succhiarsi il pollice allergie, mangiarsi le unghie allergie,

Succhiarsi il pollice e mangiarsi le unghie: gli effetti positivi secondo la scienza

Sudafrica neonato news

Paternità Inps 2016 e maternità: come cambia il congedo per i lavoratori autonomi