in ,

Desert Trip Festival scaletta, i Rolling Stones anticipano il nuovo album e cantano i Beatles

Un grande show questa notte, 8 ottobre 2016, in occasione della prima serata del Desert Trip Festival che si sta svolgendo a Indio, in California. Ribattezzato come l’Oldchella, ovvero il Coachella dedicato agli artisti più “anzianotti”, i primi nomi a salire sul palco hanno fatto, giusto un po’, la storia della musica: il cantautore Bob Dylan ha aperto il Desert Trip riscuotendo un discreto successo ma i veri mattatori della serata sono stati i Rolling Stones. Gli oltre 75.000 fan accorsi a Indio, infatti, erano lì per Mick Jagger e colleghi che, giusto giovedì scorso, hanno annunciato l’uscita di un nuovo album di inediti, a undici anni di distanza dall’ultimo lavoro discografico.

>>> IL PROGRAMMA DEL DESERT TRIP <<<

Ma quali sono state le canzoni eseguite in scaletta dai Rolling Stones al Desert Trip? Tra le novità assolute va segnalata “Ride Em on Down”, traccia contenuta nel nuovo album in uscita a dicembre. Tra i brani eseguiti, poi, i consueti Satisfaction e Midnight Ramble, senza dimenticare Miss You. I Rolling Stones, però, hanno cantato anche i Beatles con il brano “Come Together” per salutare l’arrivo a Indio di Paul McCartney che si esibirà sia oggi, 8 ottobre 2016, che settimana prossima, 15 ottobre, al Desert Trip.

>>> IL NUOVO ALBUM DEI ROLLING STONES<<<

LA SCALETTA DEI ROLLING STONES AL DESERT TRIP

Start Me Up
You Got Me Rocking
Out of Control
Ride ‘Em on Down
Mixed Emotions
Wild Horses
It’s Only Rock ‘n’ Roll (But I Like It)
Come Together
Tumbling Dice
Honky Tonk Women
Slipping Away
Little T&A
Midnight Rambler
Miss You
Gimme Shelter
Sympathy for the Devil
Brown Sugar
Jumpin’ Jack Flash
You Can’t Always Get What You Want
(I Can’t Get No) Satisfaction

Seguici sul nostro canale Telegram

Dove vedere Novara Ascoli

Dove vedere Novara – Ascoli: ora diretta tv, streaming gratis Serie B

notte della luna 2016 moonwatch party

Notte della Luna 2016, 8 Ottobre: “Moonwatch Party” mondiale per ammirare il nostro satellite