in

Desirée Piovanelli il caso non è chiuso: Giovanni Erra interrogato, spunta pista pedofilia

Desirée Piovanelli massacrata dal branco a Leno, nel Bresciano: a 17anni dai quei terribili fatti, il caso non può dirsi ancora chiuso. Nonostante le quattro condanne definitive per l’omicidio di Desirée Piovanelli, a carico di tre coetanei della vittima e dell’adulto Giovanni Erra, è stato aperto un nuovo fascicolo di inchiesta a seguito dell’esposto del padre della giovane vittima che ha chiesto nuove indagini, in quanto convinto che dietro il massacro della giovane figlia ci sia un giro di pedofilia.

quarto grado delitto di leno news

Desirée Piovanelli: interrogato Giovanni Erra

Così, nell’ambito della nuova inchiesta lo scorso 20 giugno Giovanni Erra è stato interrogato presso la Procura di Brescia. L’uomo è condannato a 30 anni di carcere per il delitto di Desirée Piovanelli, la 14enne uccisa brutalmente dal branco a Leno nel 2002. “Erra era l’unico adulto del gruppo ad aver partecipato al delitto, gli altri erano minorenni. Giovanni Erra è l’unico ancora in carcere per il delitto. Un’inchiesta riaperta su impulso della famiglia di Desirée che pensa ci sia un giro di pedofilia e un mandante ancora libero dietro la morte della figlia. Nella nuova indagine della procura, aperta per omicidio, non ci sono al momento indagati. A fine interrogatorio Erra verrà ricondotto a Bollate dove sta scontando la sua pena”, lo ha reso noto la redazione online di Quarto Grado.

Delitto di Leno: nuova indagine e lo spettro della pedofilia

Apprendiamo che poche ore dopo l’interrogatorio di Giovanni Erra, a Leno ieri sarebbero comparsi dei cartelli anonimi. Lo riferisce il Giornale di Brescia: “Sotto il nome di un residente c’è la scritta ‘arrestato, è il mandante del rapimento di Desiree Piovanelli’. Il nome indicato non è uno a caso, è quello dell’imprenditore che anche lui, dopo papà Piovanelli, ha fornito indicazioni e sopratutto nomi di chi può aver fatto parte di gruppi che nei primi anni Duemila a Leno avrebbe organizzato festini a luci rosse con ragazzine minorenni alle quali veniva data droga in cambio di sesso”.

Leggi anche: Omicidio Desirée Piovanelli: spunta Dna sconosciuto sul giubbino della vittima

vibo valentia incidente

Vibo Valentia, incidente mortale: scontro tra auto e furgone, tre vittime

William e Kate contro Harry e Meghan: cosa c’è realmente dietro la separazione?