in

Deva Cassel, la figlia di Monica e Vincent è la nuova Bellucci? Incantevole in costume

Ha tutte le carte in regola per diventare la nuova Bellucci, Deva Cassel, figlia di Monica e Vincent. Icona di femminilità la mamma, dal fascino smisurato il papà, la piccola Deva non poteva che nascere ‘sotto una buona stella’. Classe 2004, la primogenita di Monica e Vincent – 15 anni a settembre – ha già incantato le passerelle della moda milanese, presenziando alle sfilate lo scorso giugno, e si appresta a diventare – nel 2020 – il volto della campagna pubblicitaria di una fragranza di Dolce e Gabbana, di cui già Monica è stata testimonial.

Deva Cassel, orgoglio di mamma Monica e papà Vincent

A far parlare della piccola Bellucci, in questi giorni, sono però le foto in costume di cui Deva è stata – a sua insaputa – protagonista, paparazzata dalla rivista Chi. Gli scatti sull’isola greca di Paros, dove la 15enne è in vacanza insieme alla mamma e alla sorella Leonie, hanno mostrato la figlia di Vincent in tutta la sua bellezza. Non solo, a catturare l’attenzione anche la dolce compagnia di Deva, immortalata accanto ad uno ‘sconosciuto’ fidanzato. Riservata almeno quanto mamma Monica, la ragazza non fa trapelare nulla della propria vita privata, della quale si conosce ben poco.

Bellezza mediterranea, la 15enne è già una star

Ciò che, invece, è già circolato in rete è l’anteprima di qualche scatto della prossima campagna pubblicitaria di cui Deva sarà interprete. Mora, capelli lunghi e sensualità ereditata dalla mamma, la primogenita Bellucci- Cassel è apparsa – in tutta la sua mediterraneità – in un lungo abito bianco mentre ‘sfilava’ immersa nella natura della Sicilia, tanto cara al duo stilistico. Più casual, ma non meno avvenente, in shorts e canotta, mentre cammina tra le vie di Paros.

Leggi anche —> Bella Thorne Instagram, solo una mano a coprire il seno: lo scatto è super sensuale

Teresa De Sio a “Io e Te”: «Ho detto molti no, ma forse…», imbarazzo per Diaco

Melissa Satta e Thais Wiggers “leggendarie” in bikini: «Uno schianto, senza paragoni»