in ,

Di Caprio Winslet Titanic, il bel Leo poteva salvarsi: gli esperimenti assurdi per dimostrarlo

Leonardo Di Caprio è morto per mano di Kate Winslet ma noi lo sapevamo già. Sì, perché cara amica del prossimo “Premio Oscar 2016” (Leo, suvvia, fai gli scongiuri del caso) con le tue dichiarazioni non fai altro che avvalorare la tesi della “scoperta dell’acqua calda”. Sei bella Kate, tanto bella quanto perfida nei panni di Rose in quegli istanti finali di Titanic. E non ci dici nulla di nuovo sul possibile salvataggio del povero Jack, lo sai? Te lo spieghiamo molto rapidamente: ogni qualvolta la grande pellicola prodotta dal regista James Cameron viene riproposta sui canali televisivi, i social network iniziano ad impazzire sperando, sempre, in un colpo di scena finale che non avverrà mai. Eppure sarebbe bastato poco, lasciar salire anche Jack su quella sottospecie di zattera adattata dalla foga del momento; giusto qualche centimetro più in là e tutto si sarebbe concluso con un “felici e contenti” tale da non dover rivedere, in tutte le salse, la bellezza di 3 ore e mezza di pellicola.

Lo scaltro regista Cameron, nel 1997 è stato lungimirante: il finale smielato da favola Disney chi può mai soddisfare se non le persone infinitamente romantiche? Fare morire Jack è stata una mossa astuta: il “poraccio” di turno (per dirla alla “Baby George ti disprezza” restando in terra britannico) viene sopraffatto sempre dal ricco, anche quando tra i due c’è un sentimento così forte come l’amore. Rose non poteva certo abbassarsi a determinati livelli, ne andava del suo onore e si sa, in punto di morte, tutti pensano prima alla propria pellaccia e poi a quella di chi sta accanto. Oddio, vi immaginate Jack salvo? Ciao bel Leonardo Di Caprio, il tuo ruolo di amante lo hai svolto alla perfezione per “Titanic”, adesso torna nei meandri del dimenticatoio dell’azienda cinematografica, in barba alle tue infinite produzioni da Oscar (sì, tanto ti faranno vincere con quella per cui meno meriti, suvvia non essere scaramantico).

Inutile, cara Kate Winslet, fare il mea culpa venti anni dopo, non funziona così. Dichiarare che: “Sì, ha ragione il pubblico, Rose poteva far salvare Jack perché su quella porta c’era spazio per entrambi”, nel corso della trasmissione di “Jimmy Kimmel Live” non è stato altro che un girare il coltello nel cuore di quelle fan distrutte ogni qualvolta il bel Leo muore per colpa tua. Nel corso degli ultimi anni sono stati diversi gli esperimenti con cui il finale “stabilito a tavolino” è stato smascherato: alcuni ragazzi si sono messi di impegno e, righello alla mano, hanno preso le misure della “porta-zattera” ed evidenziato come il povero Jack sarebbe riuscito a salire con estrema facilità. O ancora, nel 2012 i MytBusthers, cacciatori di mito, hanno messo in pratica un esperimento in mare aperto su una porta di legno in cui si dimostra come con un pizzico di organizzazione in più Rose e Jack sarebbero tornati a casa sani e salvi.

Esodati, la testimonianza di Roberta: «Altri 10 anni senza lavoro e senza pensione»

Riforma pensioni 2016 ultime novità: esodati, salvaguardie e attesa per migliaia di famiglie [INTERVISTA E VIDEO]

Koulibaly

Cori razzisti Lazio a Koulibaly, Curva Nord chiusa per due turni e multa: il Giudice Sportivo punisce i biancocelesti