in ,

Il Dicembre degli Aranci Video, Cleò omaggia Mango per festeggiare la Primavera

Il 21 marzo Cleò, l’artista che canta in rete senza mostrarsi e sulla cui identità, età e provenienza nulla si sa, ha scelto di dedicare, tramite il proprio Canale Youtube Ufficiale, un omaggio sincero e appassionato “alla Figura, all’Opera e alla Memoria di Pino Mango, per me il Demetrio Stratos della canzone d’autore italiana. Un Maestro della Voce, tra i pochissimi in grado di dar vita a un bicordo di canto e controcanto, eseguito con un’unica emissione vocale, oltre a sinuose alchimie e movenze vocali, ricercate e ineguagliabili, simili a fini e preziosi ricami a mano sulla seta”. Lo ha fatto interpretando Il Dicembre degli Aranci.

—> TUTTO SUL MONDO DELLA MUSICA

Accompagnato al pianoforte dal Maestro Daniel Bestonzo, tastierista di Red Canzian dei Pooh, Annalisa Scarrone e Andrea Mirò, Cleò, artista misterioso, ha realizzato un’intensa versione di uno fra i brani migliori del cantautore lucano, ‘Il dicembre degli aranci’: un capolavoro senza tempo che Mango scrisse e interpretò in duetto insieme alla moglie Laura Valente nel 2005, all’interno dell’album ‘Ti amo così’. Ad accompagnare il canto di Cleò un affettuoso videoclip artigianale, realizzato come sempre dal creativo del web Antonio Augelli, in cui immagini artistiche pubbliche dei coniugi Mango si alternano ad alcune tra le più belle e significative frasi lasciate in dono dal raffinato artista di Lagonegro.

—> TUTTO SU CLEO’

Considero ‘Il dicembre degli aranci’ una commovente dichiarazione d’amore a due voci. Nel rileggere con affetto e rispetto la quale – interpretando a cuore aperto e in punta di piedi sia la parte di Pino Mango che quella di Laura Valente – ho respirato a pieni polmoni il segreto delle unioni durature: una complicità esemplare, quella tra questi due giganti del belcanto, tanto nella vita quanto nell’arte, che sublima l’estasi dei sensi in una totale e imprescindibile fusione delle anime in un’eufonia superiore, sospesa tra Immanente e Trascendente”, dichiara Cleò, la cui particolarità timbrica consiste proprio nell’impiego naturale e contemporaneo del registro vocale maschile e femminile insieme: di cui dà prova efficace proprio in questo brano in un avvolgente duetto con se stesso, inerpicandosi fino al vertice della scala. “L’arancio fiorisce in primavera, e i suoi fiori sono dedicati per eccellenza alle nozze. Nella mitologia greca, proprio l’arancio era stato il dono della Dea Terra a Zeus per il suo sposalizio, ed è per questa ragione che i suoi fiori sono considerati di buon auspicio in tal senso.” E ancora, spiega Cleò: “Quando, nel 2005, uscì ‘Il dicembre degli aranci’, Pino Mango e Laura Valente erano già sposati, essendosi uniti in matrimonio nel 2004. Considero questa canzone un inno per tutti i veri grandi amori. Compreso quello artisticamente da me nutrito proprio per l’usignolo di Lagonegro e sua moglie, impareggiabile solista dei Matia Bazar del dopo Antonella Ruggiero, le cui cifre stilistiche sono state determinanti nella formazione, ricerca e sviluppo costante della mia vocalità intesa come strumento”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Trovare lavoro all’estero: 5 Paesi a cui (forse) non avete mai pensato ma che offrono grandi opportunità

isola dei famosi 2017 massimo ceccherini

Isola dei Famosi 2017: Massimo Ceccherini abbandona con polemica lo studio di Canale 5