in ,

Dieta della luna: come funziona, il menù e perché non seguirla

Purtroppo sono sempre più in voga le diete dimagranti veloci, che promettono grandi risultati in pochissimo tempo. Di moda in questo momento pare essere la cosiddetta dieta della luna che promette di perdere fino a 2 kg in un giorno. La dieta della luna consisterebbe sostanzialmente nel digiuno ad ogni cambio di fase lunare durante i quali, per 24 ore, bisognerebbe ingerire solamente liquidi: acqua, succhi di frutta e centrifugati di verdura; da evitare invece latte e alcolici.

Secondo la teoria della dieta della luna, il satellite della Terra, che influenza le maree, sarebbe in grado di influire anche sulla quantità di liquidi che si hanno in corpo e ciò comporterebbe la perdita fino a 6 kg durante i digiuni. Esistono il piano base di questa dieta, che consiste essenzialmente nei soli digiuni al cambio di fase lunare, ma anche il piano esteso che prevede linee guida aggiuntive per perdere peso. La dieta della luna infatti consiglierebbe di unire i digiuni della luna ad altri metodi di dimagrimento per ottimizzare la perdita di peso.

Bisogna anzitutto ricordare che la dieta della luna o delle fasi lunari non ha assolutamente nessun fondamento scientifico anzi va a forzare il digiuno quando il metodo migliore per perdere peso in modo sano dovrebbe essere quello di evitare di saltare i pasti e fare almeno due spuntini al giorno tra i pasti principali.

Moto Gp 2016

Moto Gp, il commissario di gara sullo scontro Rossi-Marquez: “Non era un calcio”

Lorenzo Yamaha Rossi

Scontro Rossi-Marquez: Yamaha non ha gradito la reazione di Lorenzo, è rottura?