in ,

Dieta detox pancia piatta: la frutta brucia grassi da portare in tavola

L’arrivo della primavera e il pensiero della prova costume ci invogliano a perdere qualche chilo preso durante l’inverno con l’obiettivo di tornare in piena forma. La primavera è certamente la stagione giusta per questo obiettivo poiché l’alimentazione dovrebbe farsi più leggera e ricca di liquidi. Quali sono però i cibi che non possono mancare in tavola per una dieta detox per pancia piatta?

Per riottenere un fisico da prova costume e una pancia piatta bisogna certamente lavorare sul movimento facendo almeno 30 minuti di camminata sostenuta al giorno. A questo bisogna accostare un’alimentazione ricca di liquidi e bere molto, almeno un litro e mezzo di acqua al giorno magari aiutandosi con tisane, spremute di agrumi ma abbandonando i succhi di frutta confezionati, estremamente ricchi di zuccheri.

>>> Scoprite tutte le diete più famose di questa stagione <<<

Per quel che riguarda propriamente i cibi da portare in tavola ci sono alcuni frutti che aiutano a bruciare grassi quali mele, pere, uva, ciliegie, fragole, sedano, peperoni e cipolle ad esempio. Il loro segreto sta in particolari molecole antiossidanti, i flavonoidi, che aiutano a non prendere chili di troppo nel lungo periodo, riducendo l’assorbimento dei grassi e favorendo il consumo delle calorie. A questa conclusione sono giunti i ricercatori di Harvard che hanno tenuto sotto osservazione per 25 anni ben 124.000 persone tra i 27 e i 65 anni e che hanno pubblicato le loro conclusioni sul British Medical Journal. Le variazioni di peso sarebbero minime ma efficaci sul lungo periodo così come per mantenere la forma fisica ottenuta.

Credit Foto: baibaz / Shutterstock

[dicitura-articoli-medicina]

Calciomercato Diawara Bologna Chelsea

Calciomercato Bologna ultimissime, il Manchester City su Diawara: servono 15 milioni

zika virus, zika virus microcefalia, zika virus allarme, zika virus in italia, zika virus donne incinta, zika virus donne in gravidanza, zika virus bambini,

Zika virus causa microcefalia nel feto, ricercatori Usa confermano la scoperta