in ,

Dieta vegana dimagrante: come funziona e quali alimenti sono permessi

Negli ultimi anni è sempre più in voga la dieta vegana, utilizzata originariamente da chi non voleva mangiare per motivi etici o filosofici niente che avesse a che vedere con gli animali, quindi ne la loro carne ne i loro derivati, quali latte, miele, uova e tutti i prodotti ricavati da questi alimenti. Da qualche tempo però questo stile di vita si è trasformato per la maggior parte in una dieta dimagrante vera e propria utilizzata per perdere peso.

Essendo una dieta molto restrittiva, bisogna fare attenzione ad avere quotidianamente tutte le sostanze di cui il corpo ha bisogno, soprattutto in inverno quando è messo maggiormente a rischio. Come per molte diete, è necessario evitare di saltare i pasti e cercare di fare degli spuntini leggeri tra uno e l’altro. Ad ogni modo la dieta vegana dimagrante si distingue per il suo avere alimenti ricchi di fibre, frutti, prodotti a base di soia, verdure e altri alimenti naturali.

Oltre a bere molta acqua, la dieta vegana dimagrante prevede questo tipo di alimenti: frutta e verdura biologica, prodotti a base di soia, fagioli (in bassa quantità), noci, olio di oliva, di sesamo e di cocco, cereali integrali, pane integrale, pasta integrale, tortillas, riso, orzo, quinoa, patate, patate dolci, patatine di mais, tofu, sciroppo d’acero, zucchero di canna, tè verde decaffeinato e vino rosso biologico. Si tratta comunque di una dieta molto particolare da seguire con scrupolosità per evitare di avere carenze alimentari.

Credit Foto: Africa Studio / Shutterstock

Tito Boeri presidente dell'inps propone di tassare le pensioni d'oro

Riforma pensioni 2016 ultime novità: Tito Boeri fa chiarezza sul contributo di solidarietà, “Mai parlato di pensioni d’oro”

Come viaggiare gratis facendo l’au pair: dove andare per guadagnare di più e divertirsi