in

Diletta Leotta foto hackerate: come proteggere file su iPhone e Android, ecco i migliori trucchi

Questione controversa quella sollevata dalle foto osé di Diletta Leotta pubblicate nelle scorse ore dagli hacker sul web. Le conseguenze del conservare materiale scomodo sul proprio smartphone possono non essere quantificate, specialmente se si è un personaggio in vista come la bella conduttrice di Sky Sport. Immagini sensuali, ricordi intimi e file importanti dovrebbero forse essere protetti più gelosamente sul proprio smartphone?

SEGUICI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE: URBAN TECH

Le precauzioni da prendere in questi casi sono tante ma è anche vero che, ognuno di noi, con il proprio cellulare, ha il sacrosanto diritto di farci quello che vuole e quindi di salvare tutte le immagini che preferisce su disco. Come dice la diretta interessata, Diletta Leotta, è una “gravissima violazione della privacy.”

Per prevenire il furto di materiale sensibile dal nostro smartphone le opzioni da prendere in esame sono diverse, vediamo insieme come proteggere foto e immagini intime dagli squali del web:
1Inizializzare il proprio device: se si è stati vittima di un hacker, la prima cosa da fare è far sparire ulteriori file dal proprio smartphone Android o iPhone. Basterà semplicemente resettare il device alle condizioni di fabbrica. Per fare questo su Android si entra nelle Impostazioni Generali, alla voce ‘Backup e ripristino‘ è possibile scegliere il ripristino ai dati di fabbrica seguendo la procedura guidata messa a disposizione da Big G. Per i dispositivi Apple invece si accede al sito iCloud.com e, inserendo l’ID proprietario, il numero telefonico, si potrà reimpostarlo da zero il melafonino. Successivamente, quando il cellulare sarà resettato, si passerà alla pulizia della scheda SD (vedi pt. 2).
2Eliminazione dati da cloud e dalla scheda SD: quando ci s’iscrive con un nuovo indirizzo e-mail, molte opzioni iniziali per impostare correttamente la casella elettronica non vengono prese in considerazione. Ad esempio il salvataggio automatico dei file e delle immagini presenti sul proprio smartphone su cloud (Google Drive, Snapchat, Instagram, Dropbox) è una di queste. Attenzione dunque a quello che non si cancella dal proprio archivio d’immagini private sia su dispositivo sia su storage.
3Autenticazione con doppio processo di verifica: può essere attivato su Facebook ma anche sulla propria casella e-mail. Basterà collegare il proprio account e, una volta ricevuto il codice, combinarlo con la password usata per registrarsi.
4Blocco del proprio smartphone: esistono diversi metodi per bloccare il proprio smartphone Android e iPhone da malintenzionati. Applicare un codice segreto e registrare le proprie impronte digitali è un ottimo metodo per evitare che i colleghi impiccioni mettano mano sui nostri dati personali.
5Cambiare password spesso: le password ‘forti’ (provviste oltre che di lettere anche di numeri e simboli) sono fondamentali al fine di prevenire furti d’identità online. Bisogna sempre accertarsi di averne costruita una in grado di scoraggiare gli eventuali intrusi. Di solito gli hacker usano programmi specifici in grado di generare una serie di combinazioni utili a ‘sfondare’ il muro di protezione creato attorno al nostro account personale. In realtà il lavoro di un cyber criminale non è così semplice come sembra, non può essere infatti minimizzato all’utilizzo di un software esterno, ci voglio capacità di coding superiori. Questa soluzione, insieme all’autenticazione con doppio processo di verifica, sono però armi molto efficaci per molti di loro.
6 Installazione di un antivirus e di un firewall via mobile: come su un PC o un notebook, anche un cellulare può essere vittima di malware, spyware e per l’appunto hacker alle prime armi. Un buon antivirus, completo di firewall, è utilissimo anche via mobile per proteggere la propria privacy da estranei molesti anche se non si è un personaggio famoso come Diletta Leotta.

Replica Uomini e Donne 4 novembre 2016

Replica Uomini e Donne trono classico puntata 21 Settembre: ecco dove vedere l’episodio

offerte di lavoro informatica 2016

Offerte di lavoro informatica Milano 2016: occasioni per programmatori e analisti