in

Dimagrire riducendo le calorie: come scegliere i cibi giusti, anche fuori casa

Lasciando i conteggi maniacali a quanti vivono un rapporto non sano con il proprio corpo, è comunque molto utile sapere come ridimensionare le calorie seguendo alcuni consigli. Da dove partire, se non dalla colazione? Per chi vuole dimagrire è fondamentale non saltare mai la colazione, forse il pasto più importante per affrontare la giornata con la giusta energia. Per tagliare le calorie a colazione si consiglia uno yogurt greco o magro con un paio di cucchiai di cereali integrali e frutta di stagione.

dimagrire riducendo calorie

Per chi non rinuncia alla colazione al bar, meglio una spremuta di agrumi con cornetto integrale al miele, piuttosto che succhi di frutta, cappuccino e brioches. E’ importante mantenersi intorno alle 200 kcal a colazione. Passando al pranzo, è possibile tagliare calorie superflue preferendo la pasta di semola alla pasta all’uovo, sostituendo pane e crostini ad un paio di semi di girasole tostati, utilizzando le giuste cotture.

Riguardo la cottura dei cibi, si consiglia di utilizzare sempre una padella antiaderente per evitare l’aggiunta di olio o burro. Evitate i soffritti, preferendo invece l’utilizzo di olio a crudo al termine della cottura. Come comportarsi invece quando si pranza fuori casa? Sì al panino imbottito ma scegliete sempre insaccati leggeri, come tacchino e bresaola. Anche al fast food è possibile tagliare le calorie, magari optando per una panino al sesamo con pollo alla griglia ed insalata e preferendo la salsa allo yogurt alla maionese o ketchup.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Milano Expo 2015

Roberto Maroni riceve avviso di garanzia per Expo 2015: “Sono sorpreso e sereno”

Anna Oxa vittima di stalker da 15 anni: “100 telefonate al giorno, giustizia assente!”