in ,

diMartedì copertina, Luca e Paolo al debutto per sostituire Maurizio Crozza (VIDEO)

diMartedì cambia copertina. E dopo anni di intensa collaborazione tra Floris – prima a Ballarò – e Maurizio Crozza, è arrivato il momento di dirsi addio. Il comico genovese, infatti, è passato a Nove dove sta dando vita al Fratelli di Crozza. E chi ha preso il suo posto a diMartedì, talk show in onda su La7? Una coppia che qualcosa in comune con Maurizio la ha: la città natale. Si tratta dei genovesi Luca e Paolo, ex Camera Cafè, Festival di Sanremo e Le Iene. Sono loro, a sorpresa, i sostituti di Maurizio Crozza per la copertina di diMartedì.

—> TUTTO SUL MONDO DELLA TV

Come se la sono cavata? Luca e Paolo hanno attaccato tutti, nessuno escluso. Partiti dai compensi Rai ai Cinque Stelle, da Matteo Renzi a Silvio Berlusconi. “In questa settimana, in cui si è parlato tanto dei compensi agli artisti Rai… è con immenso piacere che vi salutiamo da La7, una rete moderna, che non ha bisogno di polemiche per essere notata o di politici per essere ascoltata”, ha evidenziato Paolo. A fargli eco, Luca: “Ma che ha bisogno di un antennista per essere vista! E comunque, dottor Floris, dica al dottor Cairo che siamo due artisti liberi! Per soldi, diamo addosso a chi vuole lei”.

—> COSA SAPERE SUL MONDO DELLA POLITICA

E poi è toccato alla satira politica. Durante la copertina di diMartedì della puntata di martedì 5 aprile 2017, infatti, Luca e Paolo si sono divertiti così. “Scusa Luca – ha detto Paolo – un nuovo aggiornamento arrivato in redazione. Dopo l’esito delle primarie, Matteo Renzi sta riprendendo sempre più sicurezza in se stesso. Ha anche aperto un conto in Banca Etruria…”. Luca: “L’altro giorno Casaleggio Jr ha detto che il Pd è come blockbuster, mentre il M5S è come Netflix”. mentre Paolo ha ripreso: “Un po’ è vero, ma se il M5S è Netflix, il Pd Blockbister e Renzi Torrent… allora Berlusconi cos’è?” La risposta è un noto canale a luci rosse. 

turismo lgbt legge Cirinnà

Turismo LGBT in Europa: la legge Cirinnà può avvantaggiare l’Italia?

Yakin Barka alla sampdoria

Ferrero non è più il presidente della Sampdoria: ecco cosa è successo e le conseguenze