in ,

Diventare madre a 70 anni: la scienza ha fatto il miracolo ma “Dio penserà a tutto”

Diventare madre a 70 anni: una notizia che certamente lascia a bocca aperta ma che, al giorno d’oggi, non stupisce poi tanto alla fine. La neo mamma si chiama Daljinder Kaur ed è originaria dello Stato indiano di Punjab, sposata da quasi 50 anni con Mohinder Singh Gill, che di anni ne ha 79 anni. Medici e giornalisti discutono ancora sull’età della donna perché a quanto pare Daljinder non ha un certificato di nascita che stabilisca esattamente il suo compleanno: lei ad ogni modo sostiene di avere sette anni in meno del marito.

La nascita del piccolo è avvenuta grazie ad un centro specializzato in fecondazione in vitro dove i due coniugi si sono recati chiedendo aiuto dopo tanti anni di matrimonio ma nessun figlio. Due i tentativi di fecondazione per la coppia che finalmente al terzo ha visto esaudire il proprio sogno di avere un figlio. La donna con la sua maternità andrebbe a battere il record del Guinness dei Primati che vedeva la mamma più vecchia del mondo in una spagnola di 66 anni. Il medico del centro che ha permesso la gravidanza, spiega però che Daljinder non è la prima ultra settantenne a partorire grazie al loro centro.

Al piccolo è stato dato il nome Armaan che significa “desiderio” ed è nato il 19 aprile scorso con un parto cesareo; pesava due chili ed era “in buona salute e pieno di energia” da quanto riferito dai medici del centro. Il bambino ha potuto vedere la luce grazie ad un intervento di fecondazione eterologa: sono stati utilizzati ovuli di una donatrice anonima mentre lo sperma era del marito di Daljinder il quale non è preoccupato del futuro: “Le persone ci chiedono cosa ne sarà del bambino quando saremo morti, ma sono sereno, Dio penserà a tutto”. 

Credit Foto: Andresr / Shutterstock

Internazionali tennis Roma 2016

Tennis Internazionali Roma 2016 programma 12 maggio, ora diretta tv e streaming gratis

buco nero vicino alla Terra

L’enorme buco nero vicino alla Terra si è risvegliato: intorno a lui un vento che viaggia a 3mila chilometri al secondo