in ,

Divorzio Breve: “E’ un simbolo di libertà, per questo non mangio” intervista a Diego Sabatinelli

Diego Sabatinelli ha 40 anni, è laureato in giurisprudenza e dal 1995 è un militante radicale che ha cofondato l’associazione Radicali Roma di cui è anche stato segretario. Nel 2007, insieme ad altri dirigenti radicali, ha fondato la Lega Italiana per il Divorzio Breve, causa civile nella quale crede profondamente, al punto da iniziare uno sciopero della fame in atto dal 5 novembre. Quando ha scritto alla nostra redazione per raccontare le motivazioni di questa battaglia abbiamo deciso che potesse essere interessante raccontare ai lettori della lotta per questa causa – che ognuno ha il diritto di ritenere prioritaria o secondaria – perché ci ha colpito la forza con la quale Sabatinelli intende difendere un concetto di libertà che trascende la mera logistica burocratica. Ecco la nostra intervista.

Per quale motivo ha deciso di intraprendere lo sciopero della fame?
Dopo che nelle passate legislature più volte è stata affossata questa riforma, a volte con piccoli trucchi parlamentari, in altre occasioni depennata arbitrariamente dall’ordine dei lavori d’Aula, sembrava che in questa occasione, invece, tutto procedesse speditamente, tanto che la Camera ha approvato in pochi mesi un buon testo di legge, da correggere su pochi punti. Una volta approdata in Senato sono cominciati i dolori, tutto si è nuovamente arenato. Perfino il tentativo di inserire il divorzio breve all’interno del Decreto Legge sul contenzioso civile che tratta la negoziazione assistita è fallito per opposizione del Governo. E’ bene ricordare che la negoziazione assistita non incide sui tempi della separazione obbligatoria: tre anni!

Ha denunciato il fatto che le tv e la carta stampata non stiano minimamente accennando a questi eventi. Che spiegazione si è dato per questo silenzio?
La stampa di solito è interessata a queste battaglie solo per poco tempo e per fatti clamorosi o annunci politici eclatanti, che di solito si fermano, appunto, all’annuncio, mentre la gente, il popolo soffre di queste leggi inadeguate ogni ora della propria vita in totale solitudine senza che se ne parli per mesi, quando lo si fa si cerca il caso umano, non l’approfondimento.

Perché il Divorzio Breve è una principio tanto importante in una società civile? Che tipo di significato simbolico, oltre che pratico, ha?
Il divorzio breve è il simbolo della libertà di scelta degli esseri umani, nel caso specifico di unirsi ad un altro per libera scelta e sempre volontariamente sciogliere questa unione. Impedirlo, o porre ostacoli, è privare la persona della propria libertà, in termini cattolici si potrebbe dire privarla del libero arbitrio.

Cosa la potrebbe indurre a interrompere questo digiuno in virtù di una conquista che riterrebbe significativa per la società?
Il Parlamento non deve abdigare alle proprie prerogative e riprendersi il mandato per cui è stato eletto, quindi deve esprimersi senza indugi anche su materie che potrebbero mettere in difficoltà la maggioranza governativa. Quando ci saranno atti concreti interromperò lo sciopero della fame. Non pretendo certo di dettare la scelta al legislatore, pretendo che se ne occupi.

Una pallottola nel cuore su Rai1

Stasera in tv: Una pallottola nel cuore, Squadra antimafia 6 e Diario di una nerd superstar

moretti Torino

Torino ultimissime: Moretti, prima convocazione in Nazionale