in ,

Dobermann salva padrona da cancro al seno: la sottile linea rossa tra scienza e coincidenza

Una donna di nome Diane che possiede un cane, un uomo di nome Harry che persuade questa a prenderne un altro e un cucciolo di Dobermann di nome Troy che arriva nella loro casa; è cominciata così la storia incredibile che ha portato una donna americana alla guarigione completa da una forma molto aggressiva di cancro al seno. Diane Papazian, questo il nome della fortunatissima signora, viveva nella tranquillità più totale le sue giornate, inconsapevole di quello che stava accadendo all’interno del suo corpo, probabilmente rassicurata dall’esito negativo dell’ultima mammografia effettuata appena sei mesi prima.troy dobermann cancro seno

Poi un giorno, il caro cucciolo di Devil Dog (“cane diavolo” questo il nomignolo appioppato ai Doberman dai Marines americani) comincia a strusciare insistentemente la sua testolina contro il petto dell’amata padrona. La natura di questo gesto, per quanto ci è dato sapere qui in terra, resterà sempre sconosciuta; non sappiamo se il cane si sfregasse in semplice segno d’affetto o per dire “Ei, c’è uno strano odore, forse dovresti vedere un medico”, ma quello che Miss. Papazian ha riscontrato con una certa dose di sicurezza è stata una sgradevole reazione cutanea simile ad un’allergia; lo sfogo,causando prurito, ha fatto in modo che la donna cominciasse a toccarsi con una certa frequenza il petto, trovando così un nodulo sottocutaneo.

Recandosi a fare una mammografia,Diane scoprì l’infelice realtà dei fatti: il suo petto stava ospitando un cancro al seno molto aggressivo; la tempestività con cui il tumore venne scoperto giocò la parte fondamentale nell’esito positivo di questa disavventura; la signora infatti,che si è sottoposta immediatamente a una mastectomia bilaterale e ai necessari cicli di chemioterapia, adesso è completamente libera dal cancro; Troy è stato candidato dalla American Humane Association come eroe canino dell’anno; il signor Papazian, responsabile dell’ingresso in famiglia del cane,può gioire doppiamente. Se volete farvi un’idea precisa della misura in cui i cani possono veramente “fiutare” le cellule tumorali umane potete consultare lo schema riassuntivo di tutti gli studi effettuati sul fenomeno a questo indirizzo http://www.dailymail.co.uk/health/article-2555760/My-dog-saved-life-Breast-cancer-patient-says-Doberman-Troy-nuzzled-chest-went-doctor.html

LAZIO

Lazio, Minala: risponde su Twitter ai dubbi, sospetti ed illazioni sulla sua età

Hashish

Bologna, spacciatrice a 18 anni: vendeva fuori da scuola droga procuratale dal padre