in ,

Doctor Strange Recensione, il 3D trova motivo di esistere: Marvel promossa

Verrebbe da esclamare una parolaccia, ma non possiamo. Dobbiamo essere seri. Ma no, dobbiamo esclamare. Lo facciamo? No, evitiamo, passeremmo guai. Ma sì, “cavolo”, era ora: la Marvel ha fatto centro e si prende una promozione a pieni (non pienissimi, non ci vorrete così buoni) voti: Doctor Strange è un film di successo. Chi apprezza i cine-comic, sebbene oggi ve ne sia un abuso senza precedenti, non può che restare soddisfatto del lavoro del regista Scott Derrickson che ha diretto, sapientemente, un bravissimo Benedict Cumberbatch protagonista nei panni del Doctor Strange. L’ultima volta che eravamo rimasti abbastanza contenti di un lavoro targato Marvel era febbraio scorso con l’arrivo di Deadpool. Oggi non possiamo che ripeterci: in barba a quella pellicola insulsa di agosto prodotta dalla DC Comics, ovvero Suicide Squad, finanche al poco attraente Superman vs Batman e Captain America. Questo è un film coi contro… no, non possiamo dirlo. Ma avete capito, sì?

>>> LE ULTIME NOTIZIE SUL MONDO DEL CINEMA <<<

Se non avete visto Doctor Strange dovete recuperarlo. A patto che siate amanti del genere, altrimenti troverete una serie di imperfezioni che sono pure sempre presenti. Non stiamo parlando, del resto, di cinema d’autore. Doctor Strange è una pellicola che scorre via velocemente e ti fa dimenticare, a metà settimana (lo abbiamo visto mercoledì, ndr.) che non è domenica ma solo un banalissimo giorno infrasettimanale. Ti allieta, ti tiene sulle spine, alza il livello di suspense. È proprio un lavoro curato e ha un punto a suo favore da non sottovalutare: niente stravolgimenti rispetto al fumetto (nato negli anni ’60), il film è totalmente fedele con i caratteri del supereroe, il Doctor Strange. Quando vi abbiamo detto che è un gran bel film ma non certamente perfetto ci riferivamo proprio a questo passaggio: bello avere un lavoro fedele con il suo fumetto, ma il rischio, tangibile, di dover far fronte alle improbabili mosse dei monaci tibetani ha messo a dura prova la nostra pazienza.

>>> DOCTOR STRANGE, TRAILER DEL NUOVO FILM MARVEL <<<

Doctor Strange è divertente. Non ti annoia, non lo trovi lungo. Ma la storia, come spesso accade – e qui ritorniamo al ‘non è cinema d’autore’ – si sviluppa fin troppo brevemente e perdendo per strada passaggi forse fondamentali. Prendiamo per esempio i personaggi: qual è il loro sviluppo? Prettamente nessuno, sono una perfetta messa in scena dei supereroi della Marvel ma che non trovano evoluzione. Ecco, da questo punto di vista Doctor Strange sembra essere limitato, non c’è enfasi né pathos. E poi l’utilizzo della tridimensionalità, ovvero il 3D. Con Doctor Strange, per una volta, non possiamo lamentarci di quei fastidiosissimi occhialini: il gioco visivo è di ottimo livello, gli effetti speciali altrettanto, a un certo punto credi di essere in un videogame data l’elevata qualità. In definitiva, se non sapete cosa andare a vedere al cinema questa settimana (e vi meritereste una bacchettata sulle mani perché i consigli ve li diamo sempre) noi vi diciamo: Doctor Strange.

whatsapp due procedimenti istruttori di antitrust

WhatsApp news, inchiesta Antitrust: aperti due procedimenti per cessione dati a Facebook

delitto seriate news indagini

Omicidio Gianna Del Gaudio, arma delitto: si fa strada la pista della simulazione