in

“Domenica In”, Rosita Celentano nella bufera: «A Sanremo ’89 sembravamo…»

Il prossimo martedì, come saprete, partirà la sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo, condotta anche quest’anno dal cantante romano Claudio Baglioni. Per «entrare nel vivo» e «scaldare i motori» Mara Venier ha pensato di dedicare alla manifestazione canora italiana un appuntamento speciale di “Domenica In”.

Rosita Celentano: «Sembravamo 4 autistici!»

Tra gli invitati in studio chiamati in causa per festeggiare e rendere omaggio al Festival di Sanremo: Marino Bartoletti, Marco Carta, Fiordaliso, Pino Strabioli e Rosita Celentano. Proprio quest’ultima che nel 1989 si è trovata a condurre l’edizione “dei figli di…” assieme a Paola Dominguin, Danny Quinn e Gianmarco Tognazzi, è finita nella bufera per una frase infelice, un commento che al popolo di Twitter non solo non è sfuggito, ma ha irritato e non poco. Mentre parlava dell’esperienza sanremese, caratterizzata da gaffe e scivoloni, la figlia di Adriano Celentano, ad una certo punto ha affermato: «Sembravamo 4 autistici!». Un commento abbastanza pesante e del tutto fuori-luogo, tant’è che sui social è esplosa la rabbia dei telespettatori che stavano guardando Domenica In: «A #Domenicain Rosita Celentano per giustificare gaffe e impreparazione nel Sanremo che ha condotto con altri 3 figli d’arte per descriversi dice “sembravamo 4 autistici”. Dopo anni abbiamo scoperto che non era emozione. È proprio cretina…», «Che brutta gaffe quella di Rosita» e ancora «che battuta di cattivo gusto!». Dopo appena 10 minuti sono arrivate le scuse della stessa Rosita Celentano: «Non intendevo offendere nessuno!». La figlia del Molleggiato ha poi aggiunto: «Ho usato un termine che non volevo usare. Mi dispiace molto!». Dopo lo stacco pubblicitario, infatti, Rosita e la zia Mara hanno cercato di «salvare il salvabile», un modo per rimediare all’errore commesso in diretta su Raiuno.

Rosita Celentano difende «Adrian»

Rosita Celentano già qualche giorno fa era stata aspramente critica sui social, per un’altra ragione. La conduttrice tv e radiofonica aveva parlato in termini positivi dello show Adrian, che per alcuni è un vero e proprio flop: «Mio padre è soddisfatto, non è dispiaciuto. Non è ancora il momento di fare un bilancio perché questo progetto è agli inizi, mancano ancora diverse settimane… Solo una cosa è certa: con “Adrian” Celentano è diventato immortale!». Sempre al settimanale Spy la 53enne aveva aggiunto: «Mediaset ha avuto un bel coraggio a sposare questo progetto. A volte è positivo sperimentare e non farsi soltanto condizionare dai punti Auditel. Va bene fare cose leggere che raccolgono una larga fetta di pubblico, ma è anche bello e giusto rischiare e proporre qualcosa che viene visto come una estrema novità. Sono le cose spesso credute “impopolari” che ci permettono di riflettere e crescere. Con mio padre si diventa spettatori “attivi” invece che passivi di fronte a programmi trash. Non mi vengono in mente altri programmi che dopo la messa in onda coinvolgano così tanta gente a parlarne!».

leggi anche l’articolo —> “Uomini e donne”, Claudio D’Angelo rivela: «Io ho cercato di rimediare. Sono ancora innamorato di Ginevra!»

 

Dopo essersi lasciati, finiscono in tribunale: «Mi ha danneggiata! Aveva un pene troppo grosso!»

prossimo anno bisestile

Prossimo anno bisestile, quando sarà? Perché esiste, perché si dice porti male