in ,

Domenica Live: Prediciottesimi, i video regalo dei genitori per i 18 anni dei figli. Diventeranno famosi?

Durante la puntata de “Le Iene” andata in onda ieri sera su Italia 1, Enrico Lucci si è occupato di un fenomeno a dir poco allarmante di cui si era già parlato la primavera scorsa: il prediciottesimo. Si tratta di una nuova moda pop, cresciuta tra teenagers (complici i genitori) e i social, che propone di  festeggiare l’ importante anniversario  del raggiungimento della maggiore età, e quindi  l’ingresso nella fase della maturità, in maniera alquanto particolare.  In occasione del compimento del diciottesimo anno di età, ragazzi e ragazze diventano protagonisti di un video che li ritrae in scatti d’autore, immortalati in abiti glamour, in pose da rivista patinata, sui prati, sulla spiaggia, al mare o in montagna. Delle vere e proprie celebrities da prima copertina.  Costo per i genitori? Circa 10mila euro. I video vengono poi pubblicati  dagli stessi protagonisti sui vari social network, al fine di aumentare il seguito dei propri followers, il cui numero elevato determinerebbe la loro popolarità individuandoli come it-girl e it-boy del momento da seguire e imitare. Ma seguire perché? Imitare, che cosa?

Barbara D'Urso, prediciottesimi

Oggi a Domenica Live su Canale 5 , Barbara d’Urso  ha inviatato  nel suo “salotto” alcuni dei protagonisti dei video, e di contro, opinionisti , giornalisti, sociologi e lo psicologo  Morelli, per commentare e discutere di questo nuovo trend che può essere ormai definito “ il fenomeno antropologico dell’anno“. Il fenomeno imperversa soprattutto in  Sicilia dove si trova uno dei più grandi realizzatori di questi video:  il signor Muscolino. Autore fra l’altro di video da  prediciottesimo  alquanto discussi come quello in cui il protagonista viene fatto calare nei panni di un mafioso e uccide una persona o quello di una ragazza  che invece viene fatta recitare con il mitra, perché “il mitra addosso a una ragazza con la mimetica, ma con i pantaloncini, quindi molto sexy, crea stupore”.

L’ assurdo è che,  a dire dello stesso Muscolino : “Alla madre  del ragazzo è piaciuto molto” e pare che  anche la madre della ragazza che ha posato col mitra fosse  soddisfatta dei “grandi risultati” della figlia. E poi c’è Arianna, presente in studio,  una ragazza che un po’ in carne, ha posato per il suo video in vestitini stretch e super glamour sdraiata sulle rotaie di un treno: il suo video ha raggiunto 500 mila visualizzazioni e tra i commenti, molti erano negativi. Alcune persone le hanno addirittura augurato la morte, è questa la tanto agoniata popolarità che voleva? Lei  risponde dicendo che si tratta solo di invidiosi, e che ciò che conta è che lei si sente bella così e soddisfatta del video.

Il dottor Morelli prende la parola e incalza il dibattito: “Mi ricordo, Barbara, di una mia paziente che era sempre stata abituata, fin dall’età di 16 anni, a sentirsi fare complimenti, dire come sei bella, come ti sta bene questo vestito, ecc…Poi un giorno qualcuno le ha detto: “Mah, sai, poi alla fine non sei così bella come credi”, e lei ha passato tutto il resto della sua vita a cercare di essere bella. Questo è sbagliato. Bisogna dirlo. Bisogna dire ai genitori che se educano i figli al culto dell’apparenza non andranno da nessuna parte e perderanno la corretta prospettiva del mondo reale”.

L’ aspetto che è stato soprattutto dibattuto nel salotto di Barbara, dunque,  è stato il ruolo dei genitori. L’ atteggiamento incoraggiante e permissivo di coloro che dovrebbero indirizzare al giusto ed educare a valori concreti è l’elemento scatenante che alimenta il dilagare di questo fenomeno, sicuramente non educativo quando il fine esula dal puro divertimento. E voi, cosa ne pensate?

 

 

Jules Bianchi pagina Facebook

Jules Bianchi incidente, per Facebook è già morto: creata la pagina “Rip Jules Bianchi”

Stasera in tv: Report e Il cavaliere oscuro – Il ritorno