in ,

Domenico Maurantonio news: nuove perizie per far luce sulla morte del 19enne

Si torna a parlare del caso di Domenico Maurantonio, lo studente 19enne di Padova morto in circostanze mai del tutto chiarite precipitando dalla finestra di un hotel a Milano il 10 maggio 2015, mentre era in gita con la scuola. In seguito alla richiesta di incidente probatorio avanzata al Gip dai pubblici ministeri milanesi Nobili e Serafini, i famigliari tornano a sperare che si faccia finalmente luce sulla tragica morte del giovane.

TUTTI I NOSTRI ARTICOLI SUL CASO DOMENICO MAURANTONIO

Sin dai primi rilievi dopo la scoperta del corpo del giovane, la pista più accreditata dagli inquirenti è sempre stata quella dell’incidente, così come dagli esiti della perizia della Polizia Scientifica che sul davanzale della finestra da cui precipitò Domenico Maurantonio trovò solo sue tracce.

Ma i famigliari del giovane hanno sempre respinto la tesi dell’incidente. Lo scorso giugno presentarono alla Procura di Milano gli esiti di  una perizia realizzata dai propri legali, che dimostrerebbe la non accidentalità della caduta del giovane: Domenico sarebbe stato tenuto a testa in giù a penzolare dalla finestra e poi fatto precipitare e a provarlo sarebbe la presenza di una sua impronta sul muro esterno al davanzale, non rilevata in precedenza.

Insomma secondo la sua famiglia Domenico Maurantonio è stato ucciso e la perizia realizzata dai legali di parte è stata talmente convincente da indurre la Procura a richiedere al Gip l’incidente probatorio. Nell’udienza in Tribunale saranno senza dubbio portate da parte inquirente nuove perizie oltre la prima, sempre contestata dai famigliari, prodotta dalla Polizia Scientifica nel 2015.

Seguici sul nostro canale Telegram

Catania

Valentina Milluzzo ultime notizie a Pomeriggio 5: il racconto della famiglia

malaysia airlines

Londra, evacuato il terminal del London City Airport: allarme chimico (VIDEO)