in ,

Domenico Maurantonio news, risentiti i compagni: torna ipotesi suicidio

Come da indiscrezioni di qualche giorno fa, sono stati sentiti per la terza volta i compagni di classe di Domenico Maurantonio, lo studente padovano di 19 anni morto in circostanze misteriose il 10 maggio scorso, per essere precipitato dal 5° piano dell’hotel Da Vinci di Milano, dove si trovava in gita con la scuola. Otto gli studenti sentiti a Padova dai sostituti procuratori milanesi, Alberto Nobili e Giancarla Serafini, titolari dell’inchiesta al posto del pubblico ministero Claudio Gittardi, che ha seguito la prima fase delle indagini. Importanti le novità emerse.

Per l’ennesima volta gli studenti del Liceo Scientifico Nievo hanno ribadito di non avere idea di cosa possa essere accaduto a Domenico, e di essersi accorti della sua assenza solo la mattina del 10 maggio, poco prima di fare colazione con compagni e professori.

Non solo, dalle loro ricostruzioni è emerso che Domenico Maurantonio la notte in cui morì si lavò i capelli in bagno, esattamente alle 5.15; dopo uscì dalla camera d’hotel senza portare con sé il badge per rientrare, come se non avesse intenzione di tornare nella stanza. La sera prima di morire, inoltre, compì un gesto che, interpretato oggi alla luce dei fatti che conosciamo, dà da pensare: il 19enne lasciò sull’autobus il suo pass per l’Expo, dove sarebbe dovuto andare l’indomani insieme alla sua classe. Questi particolari potrebbero essere considerati dagli inquirenti quali ‘segnali’ di una potenziale volontà suicida dello studente anche se al momento si tratta solo di una supposizione, una ipotesi non ancora suffragata da alcuna dichiarazione ufficiale della Procura.

Seguici sul nostro canale Telegram

belen rodriguez news

Belen Rodriguez con Fabio Borriello un’amicizia speciale: “E’ normale che lo veda”

Croazia Italia svastica

Euro 2016: svastica sul campo, Croazia penalizzata dalla Uefa