in ,

Donna scomparsa su nave da crociera, marito in carcere: parla testimone e il giallo si infittisce

Civitavecchia, donna cinese scomparsa su nave da crociera: si trova ancora in carcere Daniel Belling, l’uomo di 45 anni accusato della morte della moglie Li Yinglei, scomparsa dalla nave MSC Magnifica partita da Genova.

Il gip di Roma si è infatti riservato la decisione sulla convalida del fermo. L’uomo nega di averla uccisa e dice di averla vista per l’ultima volta nello scalo di Katakolon, in Grecia: “Eravamo in navigazione tra Malta e la Grecia, quando mia moglie ha cominciato a dare segni di insofferenza. Era stanca di stare a bordo e mi ha manifestato l’intenzione di interrompere il viaggio. Già in passato si era allontanata nel corso di alcuni viaggi”. È Chi l’ha visto? a riportare le sue parole.

L’uomo ha poi detto di aver “visto per l’ultima volta la moglie a bordo prima di scendere dalla nave assieme ai due figli”: “quando siamo risaliti lei non c’era più lei e mancava la valigia ma non ne ero colpito, tanto che ho chiesto ad un addetto alle pulizie della nave di riassettare la stanza per tre persone e non per quattro”.

Leggi anche: Civitavecchia donna scomparsa su nave da crociera: fermato il marito

Anche una testimone avrebbe visto la donna prima che sparisse, e rivela dei particolari inquietanti sui suoi figli: “Erano in fila per avere informazioni all’Info Point, erano dietro di noi. La signora c’era, poi saliti sulla nave non l’abbiamo vista più. Abbiamo fatto caso a quella famiglia, perché i bimbi erano sporchi, trascurati, scalzi e sempre con gli stessi vestiti”. (Foto da Chi l’ha visto?)

giocattolo

Cayla, la bambola ‘hacker’ ritirata dal mercato tedesco: il giocattolo metterebbe a rischio la privacy dei piccoli consumatori

Fuocoammare Film: Gianfranco Rosi in odore di Oscar? Ecco con chi dovrà vedersela