in ,

Donna trovata morta in una cava alle porte di Milano: il cadavere era avvolto nel cellophane

C’è stato un macabro ritrovamento nel pomeriggio di ieri, lunedì 5 dicembre, in una cava in disuso nei pressi di Cernusco sul Naviglio, alle porte di Milano.

Il titolare dell’area si è imbattuto in uno strano involucro che spuntava dall’acqua. Si è avvicinato ed ha tentato di aprirlo: quando il sospetto che si trattasse di un cadavere si è fatto certezza, ha subito chiesto l’intervento delle forze dell’ordine. I Carabinieri del nucleo investigativo di Monza e della compagnia di Cassano d’Adda giunti sul posto, dopo i dovuti accertamenti, hanno confermato che si trattava di un corpo senza vita.

IL RITROVAMENTO DEL CORPO.

L’uomo intorno alle 15 si è recato alla stazione dei militari ed ha raccontato di essere andato come suo solito a fare dei controlli nella cava abbandonata, sita in via Adua, in una zona circondata dai campi, e di avere scorto qualcosa che somigliava ad una sagoma umana avvolta nel cellophane.

IL CADAVERE È DI UNA DONNA.

I vigili del fuoco di Gorgonzola che si sono occupati del recupero del corpo e dei primi rilievi superficiali su di esso, hanno appurato che il cadavere è di una donna di carnagione chiara tra i 40 e i 50 anni, abbandonato in acqua in quella cava da non più di 24 ore. Disposta l’autopsia sul cadavere, in corso le operazioni di identificazione della donna. (Immagine di repertorio)

Previsioni meteo martedì 6 dicembre 2016: piogge in Sicilia, Sardegna e centro Italia, stabile con nebbia al Nord

La Mafia Uccide Solo d’Estate serie TV trama, cast e puntate: la fiction di RaiUno torna oggi 6 dicembre