in ,

Donna uccisa a coltellate, la confessione dell’ex fidanzato: “Mi è partito un embolo”

All’indomani della tragedia che si è verificata ieri pomeriggio in provincia di Milano, dove un giovane di 33 anni ha massacrato la ex fidanzata a coltellate per poi cercare di togliersi la vita invano, arriva la confessione dell’assassino che ha spiegato agli inquirenti i motivi di quel raptus di follia che l’ha portato ad uccidere la venticinquenne Debora Fuso nella loro casa di Magnago.

I due si erano lasciati lo scorso aprile e secondo il racconto di Arturo Saraceno, il trentatreenne accusato dell’efferato omicidio, avrebbero iniziato una discussione per chiarire la situazione tra di loro. A questo punto però la discussione sarebbe sfociata in un violento litigio e poi in tragedia, con l’uomo che non avrebbe esitato a colpire l’ex fidanzata.  

“Stavo cenando, lei era qui per un chiarimento, abbiamo litigato per l’ennesima volta e mi è partito un embolo” questa la confessione dell’uomo riportata da Tgcom24; gli inquirenti hanno richiesto test alcolemici e tossicologici per Saraceno, anche se non sarebbe stato in stato di alterazione al momento dell’arresto.

Ritiro Patente per chi parla al cellulare

Rinnovo patente 2016 come fare, dove fare, quanto costa: modalità e informazioni

consigli scommesse Europa League

Pronostico Liverpool – Siviglia: consigli scommesse sulla finale di Europa League