in

Donna uccisa a Vicenza: trucidata con colpo pistola alla testa

Omicidio a Vicenza: una donna di 42 anni sarebbe stata trucidata con un colpo di arma da fuoco dall’ex marito. La notizia è di questi minuti. La vittima, secondo le prime indiscrezioni trapelate, sarebbe A. F. B., rinvenuta senza vita lo scorso 20 novembre all’interno della sua abitazione di Marano Vicentino. Inizialmente si era ipotizzato il suicidio ma in queste ore le indiscrezioni parlano di una svolta investigativa che avrebbe invece accertato l’omicidio.

Il presunto responsabile sarebbe un vicentino di 43 anni, A. L., che sarebbe stato fermato dai carabinieri perché sospettato dell’uccisione della ex moglie. Ad uccidere la donna un colpo di pistola alla testa. I due erano tuttora conviventi. Sentito sui fatti, subito dopo il ritrovamento del cadavere della moglie si sarebbe contraddetto durate un lungo interrogatorio. Le agenzie confermano la notizia: “L’uomo è stato arrestato per omicidio dai carabinieri. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori era separato dalla moglie, con la quale però conviveva. Le manette sono scattate al termine di un lungo interrogatorio. La donna è deceduta per le gravi ferite riportate da un colpo d’arma da fuoco alla testa“. (Fonte LaPresse)indagini polizia scientifica

Gli indizi raccolti in questi giorni di indagini avrebbero da subito permesso di escludere l’ipotesi del suicidio. Il colpo d’arma da fuoco, infatti, sarebbe stato esploso dalla pistola d’ordinanza dell’uomo, guardia giurata, sebbene lui avesse assicurato di non avere mai lasciato l’arma incustodita. Si attende la decisione del Gip in merito alla convalida del fermo.

Potrebbe interessarti anche: Gloria Rosboch uccisa da ex alunno, nuova vita in carcere per Gabriele Defilippi: ora è studente universitario

Nina Moric difende Corona e litiga furiosamente con Alda D’Eusanio: scintille in studio da Chiambretti

Diretta Milan-Dudelange: dove vedere in diretta TV e streaming Europa League